Lezioni di storia per gli studenti perugini alla Sala dei Notari, il commovente ritorno dei sopravvissuti della shoah

I lavori della mattinata, arricchiti anche da un collegamento telefonico con Piero Terracina, sopravvissuto all'Olocausto e cittadino onorario di Perugia.

Il ritorno a casa, alla presunta normalità, dei sopravvissuti della Shoah raccontato ai ragazzi delle scuole superiori  in una sala dei Notari strapiena e colma di sentimenti. Il convegno - che si  svolto questa mattina - ha preso le mosse da un recente volume di Elisa Guida, studiosa dell'Università della Tuscia che ha animato i lavori della mattinata, arricchiti anche da un collegamento telefonico con Piero Terracina, sopravvissuto all'Olocausto e cittadino onorario di Perugia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'iniziativa, organizzata dalla Amministrazione comunale insieme all'Avis di Perugia e alla associazione Italia-Israele di Perugia, hanno preso parte i ragazzi degli istituti scolastici Pascal, Volta, Pieralli e Mariotti. Ai lavori ha partecipato il Presidente del consiglio comunale Leonardo Varasano: "Il tema del ritorno in Italia dei sopravvissuti alla Shoah è un tema poco indagato eppure molto significativo. Secondo una errata percezione comune - ha detto Varasano - con la fine della guerra e l'apertura dei campi di concentramento, i sopravvissuti avrebbero vissuto una sorta di lieto fine. Ma non fu così. Il rientro fu un dramma ulteriore, il ritorno fu lento e doloroso. Le ferite e gli stenti patiti condizionarono pesantemente il rientro e la vita successiva degli scampati alla morte nei lager. Questi argomenti meritano di essere conosciuti ed approfonditi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Coronavirus, bollettino Umbria del 5 aprile: su 550 tamponi 29 contagiati, 300 tra guariti e quelli senza più sintomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento