Dal magico presepe di ghiaccio alla scultura dell'adorazione dei Magi più antica al mondo: torna Presepi d'Italia

A Massa Martana torna la rassegna dedicata ai Presepi. Tra le particolarità, anche l'incantevole presepe di ghiaccio. Ecco a cosa sarà dedicato quest'anno

In uno dei borghi più belli d’Italia sta per arrivare un presepe unico, che ogni anno affascina i visitatori. Si tratta del famoso presepe di Massa Martana che farà parte integrante della bellissima mostra  “Presepi d’Italia 2018". Come ha spiegato in conferenza stampa il presidente dell’Associazione Ennio Passero-  si potrà ammirare un presepe di ghiaccio di 13 mq. scolpito su 30 q.li di ghiaccio. "

Ci siamo ispirati ad una storica copertina della ‘Domenica del Corriere’ del 1 gennaio 1967 nella quale è raffigurato Papa San Giovanni XXII in adorazione davanti alla Sacra Famiglia. Della scena colpiscono la Madonna ‘contadina’ con la testa coperta da un fazzoletto annodato sotto il mento ed il Bambinello in fasce, così come si faceva negli anni ‘60. Le statue scolpite su grandi blocchi di ghiaccio, sembrano di cristallo e brillano come se fossero illuminate da un milione di luci. E’ un’opera unica in Italia e si candida all'Oscar del presepe del 2018”.

“La nostra è una mostra unica nel suo genere – ha detto il sindaco Bruscolotti – frutto dell’impegno e della passione del presidente dell’Associazione e di tutti coloro che ci lavorano facendo sì, che ogni anno, ci possa regalare qualcosa di nuovo che, anche per noi, è una scoperta. Massa Martana, in un’atmosfera unica, trasmette gli stessi valori e quelle emozioni che si racchiudono nel fascino della natività, come l’umiltà, la semplicità, l’accoglienza”.

Nel corso di Presepi d’Italia ci saranno oltre 60 incantevoli presepi classici, ma non solo "Quest’anno – ha proseguito il presidente Passero-  saranno esposti oltre 45 presepi in ceramica e 40 sculture di grandi artisti. Opere che ogni anno sono tutte nuove e molto apprezzate dai numerosi visitatori, provenienti in maggioranza da fuori regione. Sarà in mostra anche la scultura più antica al mondo, che raffigura l’adorazione dei magi e dei pastori  ( ca. 375-400 d.C.). L’opera è un calco della parte superstite del coperchio di un sarcofago paleocristiano, ritrovato alla fine del Cinquecento nel grande cantiere per la ricostruzione della Basilica Vaticana. L’originale si trova nei Musei Vaticani, Museo Pio Cristiano, inv. 31486)”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • Università di Perugia, premio alla miglior tesi di laurea: ecco la vincitrice

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Cancella la striscia continua con pennello e vernice: "Ero stanco di fare il giro lungo per rientrare a casa"

  • Tragico incidente con il furgone, muore a 58 anni: addio a Luca

Torna su
PerugiaToday è in caricamento