VISTI PER VOI Il "Racconto d'inverno" dei Giovani dello Stabile vince e convince al Morlacchi

Giovani attori alle prese con Shakespeare: lo spettacolo gira alla perfezione, evitando le banalità e le semplificazioni

La nuova produzione del Teatro Stabile dell’Umbria (nell’ambito del Perugia Teatro Festival) raccoglie consensi trasversali ai gusti e alle categorie di spettatori. Assumendosi, peraltro, l’onore e l’onere di proporre uno Shakespeare ad elevatissimo rischio flop. L’esito smentisce la previsione: lo spettacolo gira alla perfezione, evitando le banalità e le semplificazioni. Sono, infatti, fin troppo noti i numerosi esperimenti di provocazione, di forzata attualizzazione, di traduzioni-tradimenti, o, al contrario, di esperimenti con aspirazioni filologiche ed esiti fallimentari.

Il regista Andrea Baracco si è messo (e ha messo) in gioco giovani e mature professionalità, con la persuasa complicità di un gruppo di attori di sicuro talento: Mariasofia Alleva, Luisa Borini, Edoardo Chiabolotti, Jacopo Costantini, Carlo Dalla Costa, Giorgia Filippucci, Silvio Impegnoso, Daphne Morelli, Ludovico Röhl.

Questo “Racconto d’inverno” è stato calato nella contemporaneità senza fargli perdere i connotati di fabula, oscillante fra il mito, la tragedia e la commedia. Con un tono e uno stile “alti”, anche quando la dimensione epica o pastorale si traduce nei nuovi linguaggi. Così non stona una chitarra elettrica al posto della lira o della zampogna, un cantante pop al posto dell’aedo. E al giovane Jacopo Costantini (già visto in un divertentissimo Miles gloriosus) va riconosciuto il merito di una poliedricità versatile e camaleontica. Ma a ciascuno dei componenti della Compagnia dei Giovani dello Stabile va fatto credito di uno studio profondo e non esibito, di una perfetta aderenza al ruolo.

L’eterno tema della gelosia e dell’amicizia viene declinato in modo drammaturgicamente verosimile, con esiti persuasivi e coinvolgenti. Perfino l’agnizione finale vince e convince, facendo scivolare anche le situazioni più incredibili. La riduzione è efficace e tale da far transitare un plot così intricato. L’ammirazione per questo lavoro è stata manifestata a chiare lettere dai consensi che si sono inequivocabilmente manifestati in modo unanime al termine dello spettacolo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Doppio incarico in sanità, la Corte dei conti "assolve" Orlandi: così ha fatto risparmiare l'ospedale

  • Cronaca

    Padre disperato minaccia il figlio tossicodipendente con un coltello alla gola, condannato

  • Cronaca

    Telecamere anti-violenza in case di riposo e asili in Umbria? Pd e Barberini dicono di no: salta la proposta Lega

  • Cronaca

    Cani antidroga al Classico, trovati 3 grammi di marijuana negli zainetti

I più letti della settimana

  • Un ristorante così non si era mai visto: apre Fondente, posto unico in Umbria

  • Le condizioni di Leo Cenci ricoverato in Ospedale: l'ultimo bollettino medico

  • Grave incidente sulla Perugia-Ancona: carambola tra mezzi pesanti e auto, un morto

  • Leonardo Cenci ricoverato di nuovo in ospedale: "Forza, non mollare"

  • L'azienda umbra che batte la crisi: 13 milioni di fatturato e 200 dipendenti, mega sede in arrivo

  • Magione: donna trovata morta in casa, uccisa da una coltellata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento