Il Paese delle Aquile raccontato dal pianoforte di Marsida Koni, albanese d'origine, perugina d'adozione

L'Albania, fino al 1990 nella morsa del comunismo, ma oggi governato da un diverso regime, si apre al mondo con la sua cultura

Il Paese delle Aquile, fino al 1990 nella morsa del comunismo, ma oggi governato da un diverso regime, si apre al mondo con la sua cultura.

Questo il senso della premessa che il critico musicale Philip R Buttall utilizza per introdurre un’entusiastica recensione del lavoro della pianista albanese – perugina d’adozione – Marsida Koni. “Questo nuovo CD – si riferisce a Albanian Piano Music con Marsida Koni (piano), Concert Hall of the B. Maderna State Conservatory of Music of Cesena, Italy – offre non solo una visione più completa, ma è anche un mix altamente divertente e coinvolgente di vari generi. Inoltre, con la sua variegata selezione di suite folkloristiche, balli e altre proposte musicali, offre una visione cronologica inestimabile sull'argomento”.

Scendendo al dettaglio: “Ci sono due generazioni di compositori albanesi rappresentati sul CD: Simon Gjoni, Çesk Zadeja e Tonin Harapi appartengono alla prima generazione di compositori professionisti del Paese, tutti nati nel 1920, un po’ di studio all'estero a Mosca, per poi tornare nella capitale e centro artistico, Tirana, a guidare la vita culturale, mentre il Paese soffriva di un isolamento internazionale”.

Aggiunge: “Con la seconda generazione di compositori come Pëllumb Vorpsi, Thomas Simaki, Vasil Tole e gli altri, la musica albanese ha guadagnato slancio, anche se ancora tendeva a rimanere tradizionalmente orientata, con una vena classico-romantica, profondamente allineata alla musica popolare. Dato l'isolamento totale dell'Albania, la sua musica - e le arti in generale - non hanno tenuto il passo con gli sviluppi contemporanei in altri paesi occidentali”.

Poi l’elogio sfegatato alla nostra musicista: “Nel compilare la selezione attuale, la pianista albanese Marsida Koni, che ora sta vivendo una brillante carriera musicale in Italia, ha scelto di includere quei pezzi che hanno segnato il suo percorso musicale fin dall'infanzia”.

Quanto segue non è che l’attenta disamina, brano per brano, delle doti interpretative della nostra Marsida, splendida donna albanese, sposata a un musicista perugino, Piero Vincenti, fondatore dell’Accademia del Clarinetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che dire? L’Inviato Cittadino e tutti noi di PerugiaToday ben conosciamo il talento di questa artista “da esportazione”. E le auguriamo di continuare a girare il mondo coi suoi concerti. Anche se ci dispiace privarci della sua artistica presenza per troppo tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

Torna su
PerugiaToday è in caricamento