Frattura del femore e soccorso agli anziani: maxi convegno all'ospedale di Perugia

La  frattura di femore è un crescente problema di salute pubblica che riguarda prevalentemente l’anziano e che, in  considerazione delle proiezioni demografiche, comporterà un aumento di invalidità permanente e della spesa sanitaria. In buona sostanza si tratta di un  problema che non può essere  rinviato. “I molteplici professionisti che se ne occupano sempre più debbono rafforzare la cooperazione per una gestione tempestiva, coordinata ed integrata “,  dice la dottoressa Carmelinda Ruggiero della struttura di Geriatria del S. Maria della Misericordia, coordinatrice del convegno  “ L’Ortogeriatria per l’Umbria”, in programma sabato 6 Maggio Aula Triangolo ( ore 9).

Sui dati del fenomeno si sofferma il professor Auro Caraffa, direttore della struttura complessa di Ortopedia: "In Umbria  nel 2015 sono stati registrati 1842 ricoveri ospedalieri per frattura di femore, di cui 1740 in soggetti  di età superiore a  65 anni”. “Il 30% delle persone ricoverate per frattura di femore sviluppa molteplici complicanze mediche – aggiunge Caraffa, sia prima che dopo l'intervento chirurgico, con un aumentato rischio di mortalità e rallentamento del recupero funzionale pre-frattura , che comporta un allungamento dei tempi di degenza, senza considerare anche un costante incremento della percentuale di reingressi in ospedale”.

Le conseguenze di una frattura di femore nell’anziano sono drammatiche: i dati statistici riferiscono che oltre il 10% dei pazienti muore entro un mese dall’evento, il 13%  nei tre mesi successivi, oltre il 20% ad un anno di distanza, con punte che possono arrivare fino al 37%. Un eccesso di mortalità è segnalato anche oltre 2 anni dall’evento fratturativo. A un anno dalla frattura, il recupero delle condizioni pre-esistenti viene raggiunto nel  40%  dei casi , mentre il 20-25% sviluppa una invalidità permanente. “Quando il paziente ortogeriatrico è tempestivamente preso in carico dall’ortopedico e dal geriatra, in stretta collaborazione con l'anestesista, l’infermiere, il fisiatra, il fisioterapista e l’assistente sociale, il suo percorso di cura è puntualmente avviato – sottolinea la dottoressa Ruggiero- I professionisti, integrando le competenze e le esperienze, sono in grado di individuare gli interventi più adeguati per il raggiungimento dei migliori risultati per il paziente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'obiettivo prioritario  è quello di favorire il massimo recupero clinico e funzionale e  il ritorno al proprio domicilio in autonomia con corretto utilizzo delle risorse socio-sanitarie- . Il soggetto con frattura di femore, è il caso tipico ed esemplare di paziente fragile e complesso, che richiede trattamenti tempestivi e multidisciplinari intraospedalieri, cure continue ed integrate per salvare la vita e la massima funzionalità della persona”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento