Su il sipario sulla Fiera dei Morti 2017: tre piazze dello shopping, oltre 700 banchi, street food: tutta la mappa delle merci in vendita

Tre aree scelte per dare sede ad una delle più grandi fiere del centro italia. Ecco cosa troverete a Pian di Massiano, Centro Storico e Piazza del Bacio. Tante novità e tante cose buone da mangiare...

E' la fiera della città, anzi la fiera - una delle più grandi del centro italia - che vuole riuniore e ricompattare la città, come ha spiegato l'assessore Casaioli presentanto la formula della Fiera dei Morti (dal primo al 5 novembre): stand ed eventi al centro storico, in piazza del Bacio e Pian di Massiano. Il tutto lungo la rotta del minimetrò che permetterà uno speciale biglietto a 3 euro e mezzo per tutto il giorno. Le tre aree cittadine scelte hanno ciascuna una propria connotazione: a Pian di Massiano c’è la fiera tradizionale, piazza del Bacio è l’area degli eventi, dove la mostra mercato si arricchisce di appuntamenti ed iniziative con l’obiettivo di rivitalizzare la zona, il centro storico è la sede dell’artigianato d i qualità e delle città gemelle. Gli stands di quest’ultime saranno, per la prima volta,
presenti in piazza IV novembre e non in piazza Italia per due ragioni; innanzitutto per dare maggiore valore e risalto alle “gemelle”, rafforzando ulteriormente il rapporto con Perugia. In secondo luogo per liberare piazza Italia per ragioni di sicurezza, onde favorire l’accesso di eventuali mezzi di soccorso.

PIAN DI MASSIANO (orario 9-21)- Oltrer 518 banchi da visitare, conoscere e dove acquistare: 481 sono riservati ad operatori commerciali; 20 sono riservati ad artigiani; 17 sono riservati a produttori agricoli. Le merceologie più diffuse sono: prodotti per la persona (abbigliamento e biancheria intima, calzature, pelletteria, bigiotteria, profumeria, abbigliamento sportivo, caccia e pesca); prodotti per la casa (biancheria per la casa, tappeti, mercerie, casalinghi, libri, quadri e stampe); erboristeria, ferramenta, accessori auto, giocattoli; prodotti alimentari in genere (dolciumi, salumi, formaggi, frutta secca) e punti di ristoro lungo tutti gli itinerari (porchetta, torta al testo, panini, crepes, caldarroste).

Tra i prodotti artigiani vi sarà un’ampia scelta di ceramiche, mobili in legno, oggettistica, articoli orientali, ferro battuto e vetro. I produttori agricoli vendono in prevalenza prodotti dei loro fondi: piante da orto e da giardino, frutta, verdura, miele e cipolle. Alcuni spazi all’interno della Fiera, infine, ospitano Associazioni no profit per raccogliere fondi a sostegno dell’attività che svolgono: Emergency; Croce Rossa Italiana, Unitalsi, Comunità Passionista di Montescosso, Fontenuovo Fondazione Onlus.

CENTRO STORICO (orario dalle 10 alle 20). 80 espositori provenienti dall’Italia e dall’estero. Corso Vannucci / Via Mazzini: Mostra-mercato delle tipicità artigianali con curiosità, bigiotteria, giardino, articoli per la casa, libri, dischi- Piazza IV novembre: Villaggio delle città gemelle, artigianato e street food delle città gemellate con Perugia (Aix En Provence - Bratislava - Übingen - Grand Rapids - Seattle - Potsdam). Piazza Matteotti: Gastronomia dalle regioni Italia e d’Europa e street food provenienti da Umbria -Puglia -Lombardia -Sardegna -Marche -Calabria -Sicilia -Trentino Alto Adige - Campania -Veneto –Liguria; e dall’estero Austria (con i Brezel) e Francia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento