Giorgione incorona Mantignana regina del… cappelletto. Agone gastronautico per la celebrazione del re della tavola natalizia

A Corciano la sfida gastronomica tra le frazioni del comune. Al cuoco e volto televisivo il compito di scegliere la migliore produzione

Giorgione incorona Mantignana regina del… cappelletto. Agone gastronautico all’insegna della celebrazione del re della tavola natalizia. A presiedere la liturgia il mitico chef Giorgione, ormai di casa nel corcianese (insieme all’amico Maurizio Pescari): a lui il difficile compito di scegliere tra ben otto preparazioni, accomunate dalla golosa liturgia in nome di “messer cappelletto”. Intanto, in altra sede si percorre un’esperienza gastrosofica fra moda e cultura, propiziata dalla mitica Cinzia Verni.

“Compito difficilissimo" dice Giorgione assaggiando una alla volta la preparazione delle agguerritissime signore delle otto comunità in gara (capoluogo e frazioni corcianesi).

Una gara a colpi di brodo di gallina e galustro, con varianti numerosissime, anche segrete. Giorgione, comunque, fa declinare ad ogni gruppo gli ingredienti del brodo e del ripieno. Assistito dal sindaco Betti e dall’assessore Andrea Braconi che si rifanno le papille gustative.

Giorgione sancisce che tutti hanno fatto benissimo, ma lo sposale d’eccellenza è quello risultante dal connubio fra brodo e cappelletti ammannito da Mantignana, già regina delle torte di Pasqua (anche un uomo nella compagine culinaria).

Tanti sorrisi e qualche delusione, compensata dalla consolazione, per tutti gli altri, di essere arrivati comunque secondi a pari merito.

A Giorgione e alla squadra dei vincitori un rasagnolo, un piatto artistico di Cinzia Verni coi simboli e le fasi della preparazione, un cappello e il “grosso”, monera di conio corcianese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cronista scoprirà poi, in privati colloqui, che la signora alla testa delle mantignanesi dava del tu alla gallina sacrificata sull’altare del brodo eccezionale: la pollastra faceva infatti parte del suo privatissimo pollaio familiare. Forse è stato (anche) questo il valore aggiunto di quella preparazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

Torna su
PerugiaToday è in caricamento