Trafomec, la vertenza arriva a Roma: il Movimento 5Stelle chiama in causa il governo

La deputata pentastellata Ciprini interroga Renzi e suoi: "Gli accordi vanno rispettati"

E la drammatica vertenza Trafomec arrivò a Roma. “Nonostante nel 2014 sia stato siglato un accordo sottoscritto da tutte le parti, azienda e sindacati, ora a seguito del fallimento della TrafoItalia, quell’accordo rischia di diventare carta straccia e di cancellare non solo la buonuscita che i dipendenti aspettano da mesi ma anche di compromettere l’impegno di raggiungere 120 dipendenti in pianta organica”.

A parlare è la deputata del Movimento 5 Stelle Tiziana Ciprini. Sul tavolo l’interrogazione per chiamare in causa Renzi e i suoi: “Ci aspettiamo un intervento del Governo perché ristabilisca le regole, favorisca il rispetto degli accordi e degli impegni assunti anche con una proposta di rilancio degli investimenti ridando dignità ai lavoratori che rischiano di perdere la buonuscita concordata e di rimanere senza lavoro”.

Perché, è la conclusione, “la vicenda è drammatica ma sta assumendo aspetti paradossali: in uno Stato diritto gli accordi devono essere rispettati. Già a marzo dell’anno scorso avevo chiesto al Governo di adoperarsi per favorire un serio piano di rilancio della Trafomec ma non ho ottenuto nessuna risposta: è possibile che nessuno avesse previsto l’imminente fallimento della TrafoItalia?”. Bella domanda, Ciprini. Vediamo se Renzi (o chi per lui) risponderà. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, su Facebook e WhatsApp è tornata la bufala di Elisa Montagnoli

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento