Umbria e Toscana per le risorse idriche di Montedoglio e Chiascio

Umbria e Toscana vogliono subentrare nell'amministrazione delle risorse idriche di Montedoglio e Chiascio. Questo è l'esito di un incontro a Roma fra le due regioni

L'Umbria e la Toscana vogliono entrare a far parte dell'Ente irriguo umbro-toscano nella gestione delle risorse idrichei di Montedoglio e del Chiascio. Questo è quanto è stato dichiarato dall'assessore all'Agricoltura, Fernanda Cecchini, a margine di un incontro avvenuto Roma tra le due Regioni.

Inoltre, una nota della Regione umbra conferma che il confronto è stato fissato per accelerare l'iter della costituzione dell'ente pubblico economico al quale saranno trasferite le funzioni esercitate dall'Eiut, in scioglimento e la cui gestione a livello di commissariato, scadrà il prossimo 6 novembre.

L'assessore Cecchini conferma che sono state definite le modalità e i percorsi che dovranno portare entro la fine di luglio a concordare un protocollo d'intesa per la nascita del nuovo ente tra le due Regioni: "auspichiamo che nelle prossime settimane si raggiunga l'accordo con il ministero sul protocollo d'intesa in modo che possa essere ratificato dai rispettivi Consigli regionali entro settembre, al massimo ottobre. Con il trasferimento delle funzioni, strategiche, dell'Eiut al nuovo ente saranno cosi' garantiti l'impiego dei finanziamenti gia' disposti per il completamento degli invasi e delle condotte, pari a 130 milioni di euro, e la continuita' del servizio in vaste aree di Umbria e Toscana, sia ad uso irriguo sia idropotabile''.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

  • Lo riconosce e lo accompagna dai carabinieri, ritrovato il giornalista Giovanni Camirri

Torna su
PerugiaToday è in caricamento