Umbria, nuovo allarme lavoro: "Crollo del tempo indeterminato, contratti da un giorno e mezzo"

Nuovo allarme dell’Ires Cgil per l’Umbria. Il lavoro, dicono dal sindacato rosso, è un malato con pochissime speranze di sopravvivere

Nuovo allarme dell’Ires Cgil per l’Umbria. Il lavoro, dicono dal sindacato rosso, è un malato con pochissime speranze di sopravvivere: “Peggiora la condizione del lavoro in Umbria. Lo dicono i dati dell’Osservatorio Nazionale sul precariato delll’Inps, relativi ai primi 11 mesi del 2017”. I contratti a tempo indeterminato “scendono ancora, attestandosi a quota 10.054 nel periodo di riferimento (-11.4% sul 2016, -48% sul 2015). Esplodono invece le altre forme contrattuali: tempo determinato 55.749, apprendistato 5.224 e stagionali 2.884. Il totale dei contratti attivati corrisponde a 79.991 mentre quelli cessati sono 62.825”.

Di fronte a questo dato, sottolinea Mario Bravi dell’Ires Cgil, “si potrebbe incorrere in un errore profondo di valutazione, se non si tenesse conto del fatto che il 30% dei contratti ha una durata media di 1,4 giorni. Quindi, il dato su cui riflettere è che 79.991 contratti non corrispondono affatto allo stesso numero di persone, visto che in molti casi una sola persona è costretta ad attivare 4 o 5 contratti nell’arco di 11 mesi. Esiste dunque oggettivamente un problema di quantità del lavoro, ma soprattutto di qualità”.

E la qualità del lavoro in Umbria  “è in costante peggioramento, infatti la percentuale dei contratti a tempo indeterminato sul totale dei rapporti si sta costantemente riducendo. Nei primi mesi del 2017 questa percentuale si attestava attorno al 20%, ora, con gli ultimi dati relativi ai primi 11 mesi del 2017, siamo scesi (tenendo conto anche delle trasformazioni) al 18,7%.Una percentuale ben più bassa della media nazionale, che si attesta al 23,4%. Inoltre, sempre per quanto riguarda il tempo indeterminato, facendo il confronto tra cessazioni e attivazioni, le cessazioni (16.353) superano di gran lunga le attivazioni(14.512). Mai c’era stato un divario così netto”.

In sintesi: “Non si puo’ costruire il futuro dell’Umbria sul lavoro povero e precario. Questa rilevazione e le nostre valutazioni, del tutto oggettive, confermano e accentuano l'allarme occupazione in Umbria, con l’esigenza inderogabile di ridare dignità e diritti al mondo del lavoro, soprattutto  giovanile e femminile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Inchiesta anti-ndrangheta a Perugia, tutti i nomi degli arrestati e fermati in Calabria e in Umbria

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Lungo la Pievaiola scontro tra tre auto all'ora di cena: mezzi distrutti, feriti

  • Arresti per 'ndrangheta, la cosca perugina faceva paura: "Basta una mia parola e si pisciano addosso"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento