Emergenza casa Umbria, Cgil: "Serve conferenza regionale"

Con la Manovra il Governo taglia il Fondo per il Sostegno degli affitti e il sindacato della Cgil lancia l'emergenza casa per le famiglie più bisognose

Umbria, emergenza casa

Il Governo ha ridotto da 2,4 milioni a 182mila euro il finanziamento del Fondo Sostegno Affitti che consente ai Comuni di erogare aiuti alle famiglie più bisognose per fronteggiare il pagamento del canone per l’abitazione.

Un taglio pesantissimo, che metterà seriamente a rischio l’accesso ai contributi per migliaia di famiglie umbre (circa 9mila quelle finanziate lo scorso anno) e porterà,  avvertono la Cgil e il Sunia, ad un’impennata del numero di sfratti esecutivi nella nostra regione, che solo nella provincia di Perugia sono già 740.

"E' sempre più urgente mettere intorno a un tavolo istituzioni, parti sociali, associazioni e società civile per affrontare quella che diventa ogni giorno di più un'emergenza assoluta per la nostra regione: il problema casa”. A rilanciare la proposta di una conferenza regionale sulla casa è Vasco Cajarelli, segretario regionale Cgil che, insieme al Sunia e di concertro con gli altri sindacati e le altre associazioni degli inquilni, aveva già lanciato una settimana fa un grido di allarme.

Come se non bastasse, a sei mesi dall'entrata in vigore la cedolare secca si rileva un flop lasciando che, senza freni, il caro affitti escluda dal mercato fasce sempre più ampie di popolazione, con un canone medio pari a 1.050 euro (a livello nazionale).

Il dato è emerso da un'indagine del Sunia e della Cgil che ha monitorato gli effetti della norma prevista dal decreto legislativo sul federalismo fiscale, che ha introdotto l'imposta sostitutiva sui redditi da locazione nota come cedolare secca.

Insomma, il minore introito nelle casse nazionali, che il sindacato ha denunciato essere: "Un vero e proprio regalo dello Stato ai proprietari";, non ha comportato un analogo regalo dei proprietari agli inquilini.

Un'ulteriore ragione per dare immediatamente vita ad un momento di riflessione e confronto sul problema, afferma la Cgil: "Ci rivolgiamo direttamente alla Regione e a tutti gli enti locali– conclude Cajarelli – perché si faccia promotrice della conferenza regionale di cui sentiamo fortemente l'esigenza, anche per affrontare prontamente la questione delle centinaia di appartamenti sequestrati alla Camorra a Ponte San Giovanni, sul cui recupero e possibile riutilizzo chiediamo alle istituzioni, Comune di Perugia in primis, di muoversi immediatamente”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento