L'Umbria destinata a restare senza centrali Enel: Pietrafitta dimenticata, premiato il Lazio

A chiacchiere tutti elogiano l'Umbria ma nei fatti si preferisce investire in bacini elettorali più grandi e redditizi. La spiegazione del vice-ministro non convince

Ancora una volta la piccola Umbria viene tradita dal Governo nazionale e dalle grandi società nazionali. Tutti si aspettavano, dopo lo scandalo della terra dei fuochi nel territorio di Piegaro, che alla fine la nuova centrale di Pietrafitta venisse potenziata con tanto di aumento del personale. 

Le istituzioni locali erano fiduciose anche dopo la fine dichiarata dell'altra grande centrale, quella a carbone, di Gualdo Cattaneo. L'Umbria senza centrali? Impossibile, dicevano. Invece ancora una volta un mezzo tradimento politico si è manifestato: si è deciso di investire sulla centrale di Montalto di Castro, che era stata dismessa. Tutto questo nonostante il sito di Pietrafitta sia perfettamente funzionante anche se sfruttato al minimo. La conferma è arrivata dal vice-ministro Bellanova che ha risposto all'interrogazione della deputata umbra Adriana Galgana di Innovatori e Civici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella sua risposta, la viceministra ha parlato di generiche ragioni economiche e di mercato che sarebbero alla base delle decisioni di Enel rispetto alle centrali da dismettere in tutto o in parte. “A questo punto, è urgente capire cosa fare per tutelare in modo più utile gli interessi dell'Umbria che, ricordo – ha proseguito Galgano - ha la maglia nera per la decrescita di Pil, fa peggio solo il Molise. E se andiamo a vedere le decisioni che riguardano le centrali, quelle sulle vertenze aziendali, vedi la Perugina, la ex Novelli e la ex Merloni solo per ricordare le tre più note,  e lo stato in cui versano le infrastrutture, con il Mit che pochi giorni fa ha risposto ad una mia interrogazione che gli investimenti previsti dal 2001 per il Nodo di Perugia non saranno fatti, è facile capire il perché”. A chiacchiere tutti elogiano l'Umbria ma nei fatti si preferisce investire in bacini elettorali più grandi e redditizi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento