Umbria a un bivio. "Serve un piano straordinario per rilanciare l'Umbria: ecco dove intervenire"

"L’Umbria può riprendersi dalla crisi, ma occorre innovare e investire. C’è la necessità di un piano straordinario per il lavoro, in particolare per affrontare la situazione difficile della fascia appenninica”. È quanto dichiara il consigliere regionale del Partito Democratico, Andrea Smacchi.

Gli obiettivi del piano - spiega Smacchi - devono essere rivolti verso la creazione di posti di lavoro legati ad attività di risanamento, bonifica e messa in sicurezza del territorio, la valorizzazione dei beni culturali, difendere il lavoro dei settori più tradizionali, ottenere vincoli di qualità per le nostre produzione, una maggiore trasparenza negli appalti valorizzando le imprese locali, cancellando il massimo ribasso. Insomma un piano straordinario di investimenti per non far morire l'economia regionale

“Il quadro che emerge all'inizio di quest'anno – prosegue Smacchi - evidenzia 150 vertenze che stanno mettendo a rischio centinaia di posti di lavoro. Alle vecchie crisi se ne sono aggiunte di nuove come nel caso della Perugina, della Tagina o, a Spoleto, la Maran e la Novelli. Situazioni che aggiungono ulteriori elementi di precarietà e di instabilità in un tessuto economico e sociale umbro particolarmente segnato dalla crisi di questi anni. Ci sono dei territori che più di altri nella nostra Regione sono in sofferenza, in particolare lo Spoletino, la fascia appenninica ed alcune realtà del ternano. Gli strumenti finora messi in campo sia da parte della Regione Umbria e dal Governo centrale di contrasto alle crisi aperte e di riqualificazione territoriale sono stati importanti. Penso ad esempio all'Area di crisi complessa Terni-Narni, dove sono stati effettuati oltre 600milioni di euro di investimenti che dovrebbero generare circa 2mila 100 posti di lavoro nelle 212 imprese che hanno manifestato interesse”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ma ora – conclude Smacchi - occorre fare di più. In particolare la situazione della fascia appenninica non può essere affrontata con canali ordinari, ma serve un nuovo piano straordinario e un nuova spinta. Tante famiglie umbre sono in difficoltà. Il tema del lavoro è in cima alle nostre priorità e dobbiamo accelerare e dare risposte alla sofferenza restituendo certezze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

Torna su
PerugiaToday è in caricamento