Trafomec, sarà guerra senza sosta: nuovo presidio e ancora uno sciopero

L'ira dei sindacati dopo il buco nell'acqua del tavolo regionale: "Basta rinvii, il Governo Renzi intervenga"

In lotta per la propria dignità. E per avere una possibilità di futuro. Una vertenza che diventa una trincea. Prosegue la mobilitazione dei lavoratori ed ex lavoratori della Trafomec. L’ultimo tavolo regionale è finito con un nulla fatto. Ma sindacati e operai non ci stanno e torneranno a manifestare a Perugia giovedì 29 gennaio, a partire dalle ore 10, con un presidio sotto la prefettura, accompagnato da uno sciopero di 8 ore nello stabilimento di Tavernelle. L’obiettivo dichiarato è quello di chiedere un intervento anche del governo centrale vista l’assoluta gravità della situazione.

“I lavoratori non sono più disponibili a ulteriori rinvii – tuona Cristiano Alunni, della Fiom Cgil di Perugia – ed esigono risposte certe e tempestive. Per questo la mobilitazione continuerà e crescerà d’intensità”. La guerra per il futuro è appena cominciata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento