Il modello Umbria non c'è più. "O si cambia o si muore": lanciati gli Stati Generali per il nostro futuro

La proposta porta la firma dei sindacati Cgil, Cisl e Uil che lanciano la sfida a Regione e imprese per costruire il futuro e competere sui mercato. Non mancano le battaglie politiche: "Contrari al reddito di cittadinanza"

Anche per i sindacati più vicini al centrosinistra - al potere in Regione dall'istituzione dell'ente negli '70 - il modello umbro di sviluppo e di benessere cittadino non è più valido per affrontare le sfide del futuro e per ripianare i debiti economici, occupazionali e sociali provocati da una crisi senza fine che dal 2008 va avanti e che da noi ha fatto più danni che nel resto del Centro Italia. Da qui la decisione di Cgil, Cisl e Uil di chiedere ufficialmente, con tanto di dossier, gli stati generali per salvare l'Umbria, suddivisi in tavoli tematici per riscrivere il futuro della Regione e del suo popolo. 

"Il periodo di crisi ha duramente colpito la nostra regione a partire dal 2008, relegandola agli ultimi posti tra le regioni italiane in termini di PIL, consumi, occupazione. In particolare, preoccupa fortemente la difficoltà evidente a tenere il passo con le regioni limitrofe, Marche e Toscana, che possono vantare un andamento ben diverso dall’Umbria.  Per questo pensiamo che il ritardo accumulato, in un sistema sempre più selettivo e votato ad efficienza e qualità, debba essere affrontato con nuovo piglio e nuova determinazione, cercando di condividere analisi, obbiettivi, prassi e strumenti, che devono quantomeno essere rivisti ed aggiornati rispetto alle nuove esigenze e ai nuovi scenari in tempi accettabili".

I nuovi stati generali per rifondare l'Umbria per i sindacati dovrebbero ripartire da un punto fondante e fondamentale: "Dal nostro punto di vista assume centralità il fattore lavoro e il reddito da lavoro, il solo che può garantire dignità, identità e cittadinanza. Quindi serve un lavoro dignitoso, non sostituibile da redditi di povertà, cittadinanza o simili che, seppure utili ad affrontare fasi particolari della vita, non possono sostituirsi al lavoro dignitoso". Una chiusura forte alla proposta anti-povertà del Movimento 5 Stelle che insieme alla lega vengono definiti nel dossier forze populiste. L'ex triplice sindacale vuole un investimento importante non in sussidi ma "nella formazione e riqualificazione professionale continua, curando percorsi che accreascano conoscenze, competenze e attitudini utili a favorire nuova occupabilità".

Gli stati generali per l'Umbria dovrebbe essere divisi per tavoli tematici e i sindacati ne indicano alcuni:innovazione e ricerca: bandi, misure, fondi, interventi delle agenzie Sviluppumbria e Gepafin - crisi industriali: monitoraggio e verifica dello stato delle crisi, strumenti risorse azioni, attività della task force e delle Agenzie - Turismo: verifica dello stato dell’arte, analisi delle azioni e delle strategie in essere - Sistema dei bandi pubblici: la concorrenza sleale, il dumping contrattuale, l'illegalità - Servizi pubblici locali: il sistema delle partecipate e gli altri servizi, credito, energia, etc.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un ruolo fondamentale per l'azione di Governo e di un nuovo piano strategico deve passare per un super assessora allo sviluppo economico: "Soggetto protagonista di questo percorso (ovviamente dopo le imprese) deve essere l’assessorato
regionale allo Sviluppo Economico, con le agenzie ad esso collegate, in particolare Sviluppumbria e Gepafin, che - nonostante il lavoro e l’impegno prodotto - non sono riuscite ad arginare le performance negative della regione e che quindi, a nostro avviso, devono rivedere e migliorare le proprie azioni, concentrandosi e riorganizzandosi su tre ambiti prevalenti, sui quali impegnare tutte le risorse e le competenze disponibili, ed acquisirne di nuove se ritenute strategiche e necessarie". La piccola e sempre più vecchia Umbria - con tasso di natalità ai minimi storici - o cambia aprendo a nuove sfide o scivolerà sempre di più verso la povertà e lo spopolamento perdendo anche il senso di essere regione. Che aspettiamo?
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento