"Sanità d'eccellenza in Italia", arrivano più soldi: 1 miliardo e 665 milioni di euro all'Umbria per il 2019

L’Umbria anche nel 2019 è tra le sei Regioni ‘benchmark’, arrivano più fondi

Arrivano più soli per la sanità: “All’Umbria è stata riconosciuta – tra tutte le Regioni italiane - la quota maggiore di premialità, pari a 6 milioni di euro in più, nell’ambito del riparto del Fondo sanitario nazionale, che ha assegnato alla nostra Regione circa 1 miliardo e 665 milioni di euro per il 2019. Si tratta di un riconoscimento di grande importanza che rappresenta la conferma sia della qualità dei servizi erogati dal nostro Servizio sanitario, sia quella gestionale in grado di mantenere i conti in equilibrio”. Ad annunciarlo è Fabio Paparelli (Presidente della Giunta regionale dopo le dimissioni di Catiuscia Marini) e da Antonio Bartolini (Assessore regionale alla Sanità dopo le dimissioni di Luca Barberini) al termine dei lavori della Conferenza Stato-Regioni che ha definitivamente approvato il riparto del Fondo sanitario nazionale per l’anno 2019.

L'Umbria è ancora benchmark nazionale: “Il conseguimento di questo significato risultato – affermano il Presidente della Regione e l’Assessore regionale alla Sanità - rappresenta l’ulteriore conferma degli ottimi risultati raggiunti dalla sanità umbra, da sempre punto di riferimento per qualità, efficacia e sostenibilità finanziaria. Una ‘premialità’ importante, proprio in virtù del fatto che l’Umbria anche nel 2019 è tra le sei Regioni ‘benchmark’, come comunicato recentemente dallo stesso Ministero della Salute”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora: “Questo notevole incremento di risorse – aggiungono -, per il quale riteniamo di dover ringraziare soprattutto le Regioni Emilia Romagna e Veneto che si sono dimostrate disponibili verso la nostra Regione, ci permetterà di far crescere ancor di più la qualità del Servizio sanitario regionale e di proseguire nella realizzazione degli obiettivi già definiti dalla nostra programmazione, oltre che – concludono - di accrescere le cure primarie e la rete dei servizi territoriali per realizzare una sanità sempre più vicina ai bisogni di salute dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 18 maggio: nessun nuovo caso, aumentano ancora i guariti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento