Riforma autonomie locali, accordo Regione e sindacati: Cisl soddisfatta

Dopo l'accordo del 3 novembre tra Regione e Sindacati sulla riforma delle autonomie locali e comunità montane, arriva il commento di Cisl Umbria che esprime soddisfazione per i posti di lavoro salvati

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PerugiaToday

Secondo la Cisl, l'accordo è un atto importante perché, oltre che a sostenere un processo di riforma che tende a semplificare gli assetti istituzionali e amministrativi, riqualifica la spesa pubblica, potenzia il ruolo elettivo a partire dai comuni in forma di Unione, conferma funzioni pubbliche fondamentali nelle politiche agroforestali e montane e assicura garanzie occupazionali ai lavoratori interessati pubblici e privati oltre che ai precari.

Con l’accordo, infatti, si impegna la Regione a garantire una stabilizzazione occupazionale graduale, entro 3 anni, anche ai lavoratori a tempo determinato delle Comunità Montane. A tale fine è importante l’impegno assunto circa Umbria Natura e UmbraFlor per l’avvio di un progetto di impresa, aperto anche a soggetti privati, capaci di svolgere un ruolo di supporto all’Agenzia per la Forestazione da una parte e sviluppare il settore florovivaistico umbro dall’altro.

Importante è anche l’impegno della Regione a favorire un patto interistituzionale fra tutti i soggetti pubblici a partire da Comuni e Province che assicuri la ricollocazione occupazionale del personale delle Comunità Montane come percorso prioritario nel reclutamento del personale. Nei processi di ricollocazione del personale si terrà particolarmente conto delle professionalità acquisite dai lavoratori interessati e -là dove opportuno- si attiveranno specifici percorsi di formazione mirata.

Ora è importante che questo processo di riforma sia presto discusso, se necessario migliorato e approvato dal Consiglio regionale, affinché, nell’arco del 2011, questa importante riforma possa concretamente essere operativa e rappresentare un concreto esempio di modernizzazione ed efficienza del sistema istituzionale e amministrativo.

La Cisl è soddisfatta anche perché questo ddL regionale rappresenta la conclusione di un progetto di riforma proposto e lanciato dalla Cisl già nel luglio 2010.

 

Torna su
PerugiaToday è in caricamento