FINANZIARIA 2015 La strategia politica-economica per rilanciare l'Umbria: "Tasse senza nuovi aumenti"

Un programma di interventi che non tiene conto delle elezioni regionali 2015 che dovrebbero essere indette ad aprile-maggio di quest'anno. La Presidente ha ancora una volta detto no ad aumento delle tasse regionali

La Presidente della Giunta Regionale Catiuscia Marini ha presentato alle forze sociali e politiche la "Finanziaria regionale per il 2015 (il Dap) dove si disegna la mappa di Governo per il nuovo anno. Un programma di interventi che non tiene conto delle elezioni regionali 2015 che dovrebbero essere indette ad aprile-maggio di quest'anno. La Presidente ha ancora una volta detto no ad aumento delle tasse regionali rinunciando ad un incasso previsto di 90 milioni di euro. 

“Il Dap 2015 – ha evidenziato la presidente –, costituisce la base del bilancio regionale ed è, quest’anno, anche un documento di passaggio tra due legislature. La scelta di non agire sulla leva fiscale è dettata dalla piena consapevolezza della difficile condizione sociale ed economica presente nel Paese ed in Umbria, che incide sulla nostra comunità in tutte le sue articolazioni. Continueremo dunque con rigore sulla strada già intrapresa di contenimento, razionalizzazione, riorganizzazione e ottimizzazione della spesa, senza intaccare servizi essenziali come la sanità e trasporti, ma concentrando le risorse su ciò che può produrre sviluppo, crescita ed innovazione in settori importanti come quello delle imprese, della ricerca, del lavoro 
e della formazione professionale, cogliendo anche appieno le opportunità offerte dalla nuova Programmazione comunitaria”.

LA FINANZIARIA PER L'UMBRIA 2015 - Le principali direttrici del Dap 2015 sono indirizzate a quattro aree di azione relative a: politiche per la ripresa economica basate sulla specializzazione e innovazione dell’intero sistema produttivo regionale (agricoltura, manifatturiero e terziario di mercato),  attraverso strategie multisettoriali e integrate fondate sulle specializzazioni territoriali e sulla valorizzazione delle competenze, attivando la cooperazione tra i sistemi della ricerca e dell’impresa. 

Politiche per rafforzare il capitale umano regionale, investendo su istruzione e formazione durante l'arco della vita attiva, sostenendo il passaggio da azioni per la formazione ad azioni per l'apprendimento, migliorando le competenze chiave essenziali per l’effettiva qualificazione e produttività dell’intero sistema; politiche per tutelare attivamente le risorse territoriali regionali, promuovendo un modello di sviluppo a minori emissioni di CO2, capace di sfruttare le risorse, soprattutto energetiche, in modo efficiente, garantire la tutela dell’ambiente e della biodiversità e promuovere lo sviluppo rurale, anche mediante nuove tecnologie e metodi di produzione verdi e alla promozione di politiche inclusive per chi vive in Umbria, costruendo un welfare attento alla centralità della persona, al supporto ed al sostegno alle famiglie, alla qualità e flessibilità dei servizi, alla valorizzazione e alla 
messa in rete delle risorse del territorio.

MACCHINA REGIONALE PIU' LEGGERA - La Regione continuerà a lavorare per portare a compimento le azioni intraprese in materia di riforme istituzionali e semplificazione amministrativa, fortemente condizionate dall’evoluzione normativa nazionale come, ad esempio, il riassetto istituzionale delle Province. Il tutto in base al principio guida che per l’Umbria sarà: un ente, una funzione, una risorsa con l’obiettivo di dare massima certezza ai cittadini, mettere ogni ente in condizione di svolgere al meglio i propri compiti esplicitando ruoli, ambiti di intervento, risorse umane e finanziarie disponibili.

SISTEMA SANITARIO - La Regione Umbria avvierà nel 2015 il percorso di adozione di un nuovo Piano Sanitario Regionale che riprogetti, coerentemente agli strumenti di programmazione settoriale nazionali, i servizi sanitari alla luce dei cambiamenti sociali e demografici e dell’evoluzione scientifica e tecnologica della scienza medica. 

L’impianto del nuovo Piano Sanitario si articolerà, in coerenza con i campi di applicazione dei LEA, sulle tre macroaree della prevenzione, dell’assistenza distrettuale e dell’assistenza ospedaliera con la finalità di arrivare ad un sistema che punto sulla prevenzione e favorisca il miglioramento degli stili di vita, anche attraverso il coinvolgimento trasversale di tutte le politiche.

Relativamente alle risorse finanziarie disponibili in bilancio regionale il sistema delle Regioni a Statuto ordinario ha contribuito alle manovre statali più di tutti gli altri comparti ed in maniera sproporzionata rispetto al suo peso sulla spesa pubblica (primaria) totale. Ciò ha comportato una progressiva e consistente riduzione delle risorse anche per l’Umbria: per il 2015 si stimano minori risorse, rispetto al precedente, di 126 milioni di euro, con il rischio di minare gli equilibri finora raggiunti e di generare ulteriori squilibri difficilmente gestibili in settori socialmente delicati. 

Il Dap 2015 prevede indispensabili e consistenti interventi per preservare l’equilibrio finanziario regionale al fine di assorbire le criticità “strutturali”, gli effetti negativi della Legge di stabilità 2015, quelli delle manovre precedenti (DL 95/’12 e DL 66/’14) e per far fronte agli oneri inderogabili dei cofinanziamento regionale della nuova programmazione europea la cui attuazione si avvierà appunto nel 2015. 

Resta ferma la scelta strategica della Regione di non aumentare la pressione fiscale, proprio in considerazione della difficile situazione economica e della crisi occupazionale, così da preservare, per le imposte di propria competenza, il reddito delle famiglie ed i margini di competitività delle imprese. La manovra di bilancio 2015 sarà dunque impostata a un profondo riorientamento ed ulteriore razionalizzazione della spesa, che dovrà interessare tutti i settori d’intervento e tutte le linee di attività dell’amministrazione regionale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre a proseguire il processo di razionalizzazione e contenimento avviato sulle spese "generali" e di acquisto di beni e servizi, la politica di bilancio che avrà come obiettivi per il 2015: revisione della struttura della spesa, tagliando la spesa distributiva e riducendo al minimo i contributi nei confronti di enti, associazioni, fondazioni, organizzazioni e manifestazioni; ulteriore rafforzamento delle politiche di razionalizzazione del personale della Regione e degli enti dipendenti; prosecuzione, anche in base alle nuove norme nazionali, della razionalizzazione e del perseguimento di sinergie ed integrazioni nel sistema delle Agenzie regionali e delle società partecipate; destinare le poche residue risorse settoriali, a titolo di cofinanziamento, su progetti di grande rilevanza, quali la nuova programmazione comunitaria, alla quale andrà assicurato l’adeguato cofinanziamento regionale, in base ai piani finanziari che saranno approvati con i futuri Programmi Operativi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento