Raccordo Perugia-Bettolle, la protesta degli agricoltori: più di 100 trattori in strada

La rabbia degli agricoltori: "Situazione inaccettabile. Non basta la tutela, serve una idonea gestione della fauna selvatica"

La rabbia degli agricoltori: oltre 100 trattori si sono dati appuntamento al raccordo autostradale di Bettolle per partecipare al sit-in che Cia Umbria, insieme a Cia Toscana, ha organizzato per accendere ancora una volta i riflettori sui danni causati agli agricoltori dalla fauna selvatica: "Una vera e propria emergenza causata in primo luogo dai cinghiali, aumentati in misura spaventosa in tutto il Paese: da 50.000 capi nel 1980 a 900.000 nel 2010, fino a 2milioni nel 2019", spiega l'associazione di categoria.

E ancora: "Solo in Umbria si contano poco meno di 1400 richieste di indennizzo nel 2017, di cui solamente il 70% vengono accolte. Il restante 30% si perde nel mare della burocrazia e non viene accettata. Oltre il danno, però, c’è anche la beffa dei risarcimenti ridicoli per i nostri agricoltori: circa 508 euro per ogni domanda. Una cifra che non copre nel modo più assoluto il danno subito e che mette l’agricoltore con le spalle al muro, costringedolo perfino a sospendere l’attività". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La situazione non è più accettabile e degenera ogni giorno di più – ha detto dal palco Matteo Bartolini, presidente Cia Umbria - I decisori politici devono comprendere la situazione di emergenza in cui si trovano i nostri allevatori. La problematica è esclusivamente italiana: negli altri Paesi d’Europa l’animale che viene trovato sul territorio è di proprietà del titolare del terreno, mentre in Italia l’animale è sempre dello Stato e gli agricoltori si impegnano sarcasticamente ad alimentarlo, ma non possono abbatterlo”. Si parla tanto di biodiversità e made in Italy, ma poi chi presidia il territorio non viene tutelato in alcun modo. L’attuale legge, vecchia di ben 27 anni, deve essere modificata con urgenza. - ha concluso Bartolini - Non solo tutela, ma una più idonea gestione della fauna selvatica”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

Torna su
PerugiaToday è in caricamento