La Porchetta umbra vuole essere unica e inimitabile: parte l'iter per il riconoscimento Igp e un super marchio

La sfida è stata lanciata dagli organizzatori di Porchettiamo che hanno già ottenuto il marchio sloow food per uno speciale prelibatezza di Grutti

La porchetta umbra vuole essere riconosciuta come eccellenza territoriale, vuole essere tutelata. E' ufficialmente partito l'iter per ottenere igp con tanto di marchio comune a tutte le produzioni che rispettano i parametri della produzione del cibo di strada più antico e più conosciuto di casa nostra. La sfida è stata lanciata dagli organizzatori di Porchettiamo - nel fine settimana scorso si è conclusa con successo la XI edizione - che hanno ribadito che “è arrivato il momento di pensare ad un marchio della Porchetta umbra Igp”.

Bisogna ormai parlare di porchetta umbra infatti, considerando comunque le varie sottozone di produzione, come sempre più non solo di qualità ma di qualità certificata. Proprio da questo evento è partito il percorso che ha portato il Cicotto di Grutti a diventare presidio Slow Food. Porchettiamo, anche in questo, si conferma come una delle manifestazioni enogastronomiche italiane più rappresentative. E la porchetta come sintesi del cibo di strada, essenza e sublimazione della storia gastronomica anche dell’Umbria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento