SPECIALE EUmbria - Made in Umbria o Fake made in Umbria? Coldiretti smaschera le imitazioni

Nello specifico la petizione si prefigge di rendere obbligatoria l’indicazione del paese di origine per tutti gli alimenti trasformati e non trasformati in circolazione nell’Unione

"Macarò... m'hai provocato e io te distruggo, macaroni! I me te magno!” Cosi recitava Alberto Sordi in “ Un Americano a Roma”. L’Italia è da sempre patrimonio universale della buona cucina, ed il 2018 verrà anche ricordato per una particolare azione condotta in sua difesa, che ha coinvolto anche la nostra regione. Lo scorso 31 novembre e’infatti partita da Perugia la raccolta firme per la petizione “Mangia originale, smaschera il tuo cibo”, volta a chiedere a Bruxelles di estendere l’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti gli alimenti europei. 

La raccolta, promossa da Coldiretti Giovani Impresa Umbria, si inserisce in un contesto più ampio: la possibilità che siano gli stessi cittadini a sottoporre proposte legislative alla Commissione europea attraverso l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE), disciplinata dai Trattati istitutivi dell’Unione. L’etichettatura di origine obbligatoria degli alimenti è stata introdotta per la prima volta in tutti i Paesi dell’Unione Europea nel 2001, dopo l’emergenza mucca pazza nella carne bovina. Da allora sono stati compiuti molti passi in avanti ma resta l’atteggiamento incerto e contraddittorio dell’Unione che, ad esempio, obbliga ad indicare l’origine in etichetta per le uova ma non per gli ovoprodotti, per la carne fresca ma non per i salumi, per la frutta fresca ma non per i succhi e le marmellate.

Nello specifico la petizione si prefigge di rendere obbligatoria l’indicazione del paese di origine per tutti gli alimenti trasformati e non trasformati in circolazione nell’Unione, chiedendo infine di migliorare la coerenza delle etichette inserendo informazioni circa la produzione e i metodi di trasformazione, al fine di garantire la trasparenza in tutta la catena alimentare. Nello specifico, la petizione tenta di migliorare gli effetti che saranno prodotti da un nuovo regolamento dell’Unione, in vigore dal 2020. Tale atto prevede, in linea generale, l’obbligo di indicare in etichetta l’origine dell’ingrediente primario dell’alimento. 

L’obbligo tuttavia si impone solo se l’origine geografica dell’ingrediente primario risulta diversa da quella del prodotto finito. Nessun obbligo invece per le “indicazioni geografiche protette” (Dop e Igp) e per i “marchi registrati” che, a parole o con segnali grafici, riescono già ad indicare la provenienza del prodotto. Il regolamento in questione non sembra inoltre tenere in debito conto che, solitamente, l’origine del prodotto indica il paese in cui l’alimento ha subito l’ultima trasformazione sostanziale, potendo quindi non riferirsi effettivamente all’ingrediente primario. 

Ciò può essere sfruttato da quelle aziende estere che fanno del Made In Italy il proprio cavallo di battaglia, visto che avere un marchio registrato, ed es., con una bandiera tricolore o un richiamo al nostro Paese, consente di essere esentati dall’obbligo di indicare l’origine dell’ingrediente principale, molto spesso non italiano.

TUTTI GLI ARTICOLI DELL'INSERTO EUmbria "L'Europa a casa tua"

  1. Fondo Europeo per l'Agricoltura, il bilancio è positivo. "Occasione fondamentale per il settore agroalimentare regionale"

  2. EUROPEE 2019: Rischio manipolazioni e fake-news anche in Umbria? Un’indagine UE fa salire il sospetto...

  3. Università, Ospedale ed Europa insieme per trovare una cura alle malattie rare

  4. L'Umbria sognava l'Europa Unita da San Benedetto e la Ue sostiene la nostra regione

  5.  Il presidente della Bce Draghi parla di prosperità europea. Quale futuro per l’Umbria?

  6. L’Europa in soccorso di Babbo Natale: più sicurezza nei regali sotto l’albero

  7. 112 e Galileo: i nuovi metodi europei per il soccorso dei cittadini. La “centrale unica di risposta” Umbria - Marche

  8. Cosa fa l’Europa per l’Umbria? Fondi per lavoro, sviluppo, ricerca e welfare, la mappa degli interventi

  9. Sviluppumbria: ecco i nuovi quattro bandi per favorire l’internazionalizzazione delle imprese

  10. L’Europa punta sui giovani: “Parlamento degli under 30” anche in Umbria“

  11. I bandi EU pro start-Up . “Materialuce”, ecco un esempio umbro“

  12. L’Europa ascolta i cittadini sulle strategie: ecco come dialogare online

  13. Rafforzata la cybersicurezza: più protezione cittadini e minori costi per imprese

  14. Made in Umbria o Fake made in Umbria? Coldiretti smaschera le imitazioni

  15. Pioggia di fondi dall'Europa per rilanciare artigianato e micro-imprese: il bando

  16. L’Europa e lo sviluppo delle aree interne dell’Umbria. Cosa sono i GAL? Quanti sono e come funzionano?“

Potrebbe interessarti

  • Igiene del letto, quante volte cambiare le lenzuola?

  • Lavastoviglie pulita e profumata, ecco i rimedi naturali

  • Invasione di formiche, come eliminarle con i rimedi naturali

  • Grande Fratello 2019, vince la concorrente umbra Martina Nasoni

I più letti della settimana

  • Quando iniziano i saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Tragico incidente stradale a Ponte Valleceppi, muore l'imprenditore perugino Massimo Bendini

  • Perugia, follia al Pronto Soccorso: familiare di un paziente aggredisce e colpisce in faccia un infermiere

  • Città di Castello, marito e moglie scomparsi: la ricerca finisce in tragedia, trovati morti

  • Incidente stradale a Castiglione del Lago, due feriti

  • Città di Castello, coppia di francesi scompare nel nulla: ricerche in corso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento