Che fine farà la Perugina? Protesta notturna degli operai: gli esuberi fanno paura, due incontri per trattare...

Ciavaglia (Cgil Perugia) lancia la sfida a nestlè: "Management cambi atteggiamento: non faremo un passo indietro"

Presidio di protesta nella notta ai cancelli della Perugina di San Sisto organizzato da Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil per “far crescere l’attenzione e dimostrare la determinazione dei lavoratori” in vista degli importanti appuntamenti dei prossimi giorni (18 e 27 settembre) che determineranno il futuro dello stabilimento dopo il ritorno del piano esuberi e ricollocamenti dei vertici della multinazionale.

I sindacati, insieme alla Rsu Perugina, hanno manifestato all’ingresso dello stabilimento di San Sisto dalle 4 alle 10 di questa mattina (16 settembre) raccogliendo - spiegano - la “piena solidarietà e l’appoggio di tutti i lavoratori cui l’azienda aveva chiesto di prestare servizio anche il sabato”. Una richiesta considerata “inaccettabile” dai rappresentanti dei lavoratori, vista la contemporanea dichiarazione di esuberi, in "piena contraddizione" con l’accordo siglato nel 2016.

“Ringraziamo le lavoratrici e i lavoratori che stamattina hanno deciso in maniera compatta di partecipare al presidio - afferma Michele Greco, segretario generale della Flai Cgil dell’Umbria - Un messaggio chiaro che mandiamo all’azienda in vista dei prossimi incontri: la Rsu, i sindacati, le lavoratrici e i lavoratori della Perugina non intendo fare un passo indietro. L’accordo del 2016 va rispettato in toto e gli esuberi dichiarati vanno ritirati, per poi aprire una fase di reale rilancio di Perugina, con il suo straordinario potenziale produttivo e di mercato”. 

Ora i sindacati si preparano al confronto di lunedì 18 settembre in Confindustria a Perugia nel quale l’azienda dovrà mostrare un atteggiamento diverso per evitare un ulteriore innalzamento della tensione tra i lavoratori. 

"A questa mobilitazione dei lavoratori e del sindacato non corrisponde però un'adeguata risposta della dirigenza Nestlé - continua il segretario della Camera del Lavoro - Il management locale e chi rappresenta l'azienda dimostra di non incidere sulla scelte e di essere un semplice megafono della multinazionale. Così non va. Invitiamo la dirigenza - conclude Ciavaglia - a modificare i suoi atteggiamenti e ad aprire un confronto vero e senza pregiudiziali sul necessario e fondamentale futuro di Perugina e dello stabilimento di S.Sisto. Lo pretendono i lavoratori, la città di Perugia e l'Umbria tutta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento