LA DENUNCIA Rottamazione cartelle, ultimi giorni disponibili: file,disagi e streess e c'è rinuncia

Una seconda lettera sul bisogno di prorogare la scadenza della rottomazione delle cartelle. L'esperienza di una cittadino che ha scritto al direttore dell'Agenzia

Quando il cittadino rinuncia a proseguire l’iter burocratico della rottamazione “attendendo gli eventuali sviluppi delle persecuzione burocratica”. Giuliano Cianelli scrive al Direttore dell’Agenzia delle Entrate ironizzando “mi auguro non arrivi ad ordinare il mio arresto o sequestro di beni, visto che sono un modesto pensionato e non appartenente alla Casta dei potenti, che non hanno mai nulla da temere dal Fisco, implacabile con i  cittadini deboli, indulgente e omertoso con i Forti”Parole decisamente pesanti che riflettono lo stato di esasperazione in cui sono caduti i “tassati e tartassati”.

Scrive Cianelli in premessa: “Facendo seguito alla mia precedente comunicazione, che è rimasta inevasa, probabilmente, come riferitomi dalla sua segreteria, assente per ragioni di ferie e ponti festivi vari…”.
Aggiunge: “La situazione resta abbastanza pesante, specialmente alla scadenza della fatidica data del 30 aprile, come ho voluto comunicare tramite stampa, e certamente problematica anche a livello nazionale”.
LA RESA. Personalmente non ho più il coraggio di sottopormi allo stress psicologico e all'inutile perdita di tempo, nel dedicare questi ultimi due giorni a ripresentarmi a vostri sportelli, dove, nonostante la paziente disponibilità dei dipendenti, rischio di essere ulteriormente rinviato in altre sedi di enti subalterni”. Perché non si tratta di un caso singolo, ma di una situazione generale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dice il cittadino Cianelli: “Nel frattempo, ho ascoltato le lamentele di tanti cittadini che si sono ritrovati nello stesso disagio, con incredibili contraddizioni, presso i vostri sportelli”. E dunque dice Basta! Anche se non rinuncia a intravvedere un barlume di speranza: “Attendo con pazienza e fiducia la vostra risposta, che mi auguro sia di saggezza e consapevolezza del disagio che state creando ai tanti Cittadini onesti”. C’è da augurarsi che venga ascoltato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

Torna su
PerugiaToday è in caricamento