Eurostar, Marini e Rometti contro Trenitalia: "Pronti a sospendere contratto"

La presidente dell'Umbria, Marini, insieme all'assessore Rometti si uniscono nella questione Eurostar e lanciano un messaggio a Trenitalia: "Su treni pendolari umbri false promesse, pronti a sospendere contratto"

Catiuscia Marini e Silvano Rometti chiedono un incontro urgente al direttore Divisione Passeggeri nazionale di Trenitalia, Gianfranco Battisti e all’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, per risolvere tutte le problematiche della questione: "Nonostante le promesse di Trenitalia, il nuovo orario ferroviario sta comportando solo l’aggravarsi dei disagi per i pendolari umbri: la Regione Umbria, pertanto, si riserva di attuare ogni azione utile a loro tutela, non esclusa la sospensione del contratto di servizio".

È quanto affermano la presidente della Regione Umbria e l’assessore regionale ai Trasporti che hanno chiesto un incontro urgente al direttore ed aggiungono dopo la soppressione e declassamento degli eurostar umbri che: "Le modifiche ai servizi ferroviari in vigore dall’11 dicembre scorso, sulle quali nel precedente incontro del 5 dicembre scorso erano stati forniti risposte e chiarimenti che ci avevano indotto a rassicurare i pendolari circa la loro sostenibilità – sottolineano – stanno  provocando gravi disagi ogni giorno. In particolare, alcuni degli Intercity che hanno sostituito gli Eurostar usati per i collegamenti con Roma e Ancona vengono effettuati con materiale rotabile vetusto e non adeguato a un servizio di lunga percorrenza, smentendo quanto garantito sul mantenimento dello stesso materiale rotabile utilizzato per gli Eurostar".

Non ha poi fondamento, proseguono Marini e Rometti, la soppressione dell’Eurostar 9334, in partenza da Roma Termini alle ore 19.32, particolarmente utile per il rientro di studenti e lavoratori umbri dalla capitale, a causa di una presunta “scarsa frequentazione”. Inoltre, è stata soppressa la fermata a Orvieto del treno AV 9560 in partenza da Roma Termini alle ore 20.15, con una forte penalizzazione per gli abbonati orvietani.
 
La presidente Marini e l’assessore Rometti, nell’esprimere rammarico per le disattese rassicurazioni, evidenziano che da parte di Trenitalia: "E' stato rotto un equilibrio faticosamente raggiunto con la sottoscrizione del Contratto di servizio e quindi, se questo atteggiamento dovesse continuare, la Regione si riserva di attuare tutte le azioni utili a garantire la tutela dei tanti pendolari umbri che utilizzano il treno per raggiungere i propri luoghi di lavoro e studio, compresa la sospensione del Contratto stesso”.

Trenitalia viene invitata a riassegnare subito per le tratte umbre il materiale rotabile promesso anche in virtù dell’Accordo Carta Tutto Treno Umbria e a fornire i dati ufficiali dell’Eurostar 9334 e degli altri servizi declassati, al fine di dare una risposta esaustiva alle richieste degli utenti, ribadendo “che è necessario studiare proposte alternative nella fascia compresa tra le 18.45 e le 20.45, per garantire ai pendolari il rientro serale dalla Capitale”.

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • Università di Perugia, premio alla miglior tesi di laurea: ecco la vincitrice

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Cancella la striscia continua con pennello e vernice: "Ero stanco di fare il giro lungo per rientrare a casa"

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento