"Licenziati con una lettera perché l'azienda ha deciso di esternalizzare": in sciopero i 14 dipendenti della Gastronomia Umbra

La denuncia della Flai Cgil: "Tagli bloccati per l'emergenza Covid, illecito sostituire i dipendenti con una cooperativa"

Scioperano i lavoratori della Gastronomia Umbra. Tutti licenziati all'improvviso, denuncia la Flai Cgil, con una lettera ricevuta questa mattina, giovedì 21 maggio: "Senza alcun preavviso né alcun coinvolgimento del sindacato, perché l’azienda avrebbe deciso - come si legge nella comunicazione data ai lavoratori - di procedere alla 'totale esternalizzazione dell’attività produttiva a mezzo di appalto servizi'. Ha dell’incredibile quello che è successo ai 14 lavoratori" dell'azienda di Taverne di Corciano.

“Dalle 11 siamo in sciopero - spiega Fabio Lucaroni, uno dei lavoratori licenziati - perché qui c’è gente che da 20, 30 anni ha dato l’anima per questa azienda e a casa ha una famiglia da mantenere. Non potevamo mai aspettarci un trattamento del genere”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quanto successo alla Gastronomia Umbra è qualcosa che non ha precedenti e risulta del tutto inaccettabile - aggiunge Michele Greco, segretario generale della Flai Cgil, in picchetto davanti all’azienda con i lavoratori - Il licenziamento, oltre che odioso e moralmente esecrabile, è anche palesemente illegittimo,non solo perché siamo in emergenza coronavirus e i licenziamenti sono bloccati, ma soprattutto perché sostituire i propri dipendenti con quelli di una cooperativa esterna, pagati meno, solo per aumentare i profitti, è qualcosa che, semplicemente, non si può fare. Per questo ci siamo già rivolti all’ispettorato del lavoro e siamo pronti a mettere in campo tutte le iniziative necessarie per tutelare i lavoratori, visto che l’azienda, che abbiamo incontrato nel pomeriggio, sembra intenzionata ad andare dritta per la sua strada. Di conseguenza, domattina dalle sei saremo di nuovo in picchetto davanti alla sede”, conclude Greco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

  • Non rispetta le norme anti Covid-19, multato parrucchiere e negozio chiuso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento