Pensioni, nuovo dramma ex Merloni: sono 100 i lavoratori esodati

Non possono né andare in pensione, per via del Governo Monti, né essere ripresi a lavorare dal nuovo gruppo che a fatica ha riassunto 350 dipendenti su 1000 dello stabilimento di Gaifana

Nuovo dramma lavorativo nel già dramma dell'ex Meloni di Gaifana. Dopo 5 anni di cassa integrazione per mille lavoratori e dopo la riassunzione di 350 di questi con il nuovo gruppo marchigiano, la Cgil dell'Umbria ha denunciato alle istituzioni umbre e nazionali che sono ben 100 i lavoratori over 58 anni dell'ex Merloni che rientrano nella fascia degli esodati.

La conferma è stata data durante il convegno sulle riforme e sul sviluppo dell'associazione 14 ottobre capitanata da Giacomo Leonelli. I 100 esodati non possono essere né andare in pensioni - con l'allungamento della riforma del Governo Monti - né possono essere riassunti dalla nuova azienda che ha rilevato la Merloni per via di questioni di bilancio. Le teorie del Ministro Fornero non cambaciano ancora una volta con la realtà degli esodati. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, decine di interventi dopo il temporale della notte: le zone più colpite

  • Anziana morta, il figlio l'ha vegliata per 16 giorni

  • Schianto lungo l'Apecchiese tra auto e moto, è morto il centauro portato in elicottero all'ospedale

  • Accoltellato per difendere la commessa dal rapinatore, è grave dopo l'aggressione al supermercato

  • Minorenne, incensurato e italianissimo: nello zaino tre chili di marijuana, arresto in centro a Perugia

  • Neonata prigioniera dell'auto parcheggiata sotto il sole, salvata dai vigili del fuoco

Torna su
PerugiaToday è in caricamento