Grande successo per la protesta della Cgil contro la Finanziaria

La serie di presidi organizzati dalla Cgil e Sip davanti la Prefettura, per protestare contro la Manovra Finanziaria del Governo Berlusconi, sono stati un successo

Grande partecipazione di pubblico alla protesta della Cgil e dallo Spi, questa mattina, contro la Manovra Finanziaria del Governo, davanti alle prefetture di Perugia e Terni. Secondo il sit-in di protesta, la manovra colpirà pesantemente i redditi dei pensionati e dei lavoratori.

Nel capoluogo umbro in centinaia hanno manifestato la propria rabbia in Piazza Italia, sotto il palazzo della prefettura. “Ancora una volta siamo hiamati a far sentire la nostra voce in difesa dei più deboli della società che saranno costretti ad ulteriori pesanti sacrifici e subirano un nuovo taglio ai servizi e al welfare a causa dei provvedimenti che il Parlamento sta approvando proprio in queste ore”; ha affermato Oliviero Capuccini, segretario generale dello Spi di Perugia, intervendo durante il presidio.

Molti gli interventi dei pensionati della città perugina che hanno evidenziato la continue difficoltà economica dovuta ad un potere d'acquisto che si va sempre più contraendo e che è destinato a peggiorare ulteriormente, visti i provvedimenti contenuti nella Manovra che penalizzano in particolare le pensioni intorno ai mille euro netti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento