Istituto Prosperius Tiberino, il presidente cala la scure: tagliati i compensi del Consiglio di amministrazione

La svolta di Barberi: ridotti i compensi dei vertici (compreso il suo)

Taglio allo stipendio dei vertici dell'Istituto Prosperius Tiberino. Come spiega il Comune di Umbertide in una nota "l’ultima assemblea dei soci ha sensibilmente ridotto i compensi dei componenti del Consiglio di amministrazione che da oltre 10 anni erano pari a 600mila euro, portandoli ad un massimo di 260mila euro". E la scure, come la pioggia, cala per tutti: "Tutti gli emolumenti sono stati ridimensionati a partire da quello del presidente che passa dai circa 52mila euro previsti nella passata amministrazione ai 40mila euro attuali. I compensi dei consiglieri ora si attestano a 20mila euro ognuno, mentre quello del consigliere delegato è pari a 120mila euro". Con un particolare: "In realtà  - sottolinea il Comune - il costo reale del Consiglio di amministrazione è pari a 240mila euro, visto che il Commissario Straordinario dell’Asl, per l’incarico pubblico che ricopre, non percepisce compenso".

L’operazione del taglio dei compensi del consiglio di amministrazione è partita dall’iniziativa del presidente Giuseppe Barberi ed è stata condivisa dai soci pubblici e privati che hanno dato l'ok alle riduzioni.

Come spiega il presidente Barberi “l’Istituto Prosperius Tiberino - vuol essere sempre di più una società di eccellenza che si è data regole di trasparenza che vanno oltre alle norme imposte dalla legislazione vigente e che pone al centro del lavoro il malato e la sua riabilitazione coniugando criteri di efficacia, efficienza e di massimizzazione del risultato economico. Solo in questa maniera una realtà complessa come quella sinergica tra pubblico e privato può realmente raggiungere gli obiettivi di soci che apparentemente perseguono obiettivi diversi, ma che in realtà si raggiungono esclusivamente con l’erogazione di servizi di eccellenza riabilitativa coniugati ad una gestione manageriale. L’Istituto ha inoltre una vision improntata alla ricerca scientifica e tecnologica (riabilitazione robotica) e alla valorizzazione delle risorse umane (130 dipendenti di cui 115 a tempo indeterminato), all’efficientamento energetico (nuova centrale di trigenerazione) ed al rispetto dell’ambiente (progetto plastic free)”.

E ancora: "Con circa 1.600 ricoveri annui (di cui almeno il 60% provenienti da fuori regione) ed un fatturato superiore ai 10 milioni di euro l'Istituto Prosperius Tiberino vuole sempre di più essere un punto di riferimento per i percorsi riabilitativi nella Regione Umbria ed in Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Umbria, dal fiume Nera riemerge un cadavere: indagini in corso

  • Schianto tra una moto e una bicicletta: ciclista muore in ospedale

  • Mariano Di Vaio, l'influencer-imprenditore che fattura milioni: nuova sede a Perugia

Torna su
PerugiaToday è in caricamento