Gualdo Tadino, braccio di ferro sulla cava colle dei Mori: la Cogeva chiede sequestro preventivo

Riceviamo e pubblichamo la nota stampa della ditta Cogeva che gestisce una cava a Gualdo Tadino. Pubblichiamo integralmente e chiunque volesse dire la sua basterà inviare una nota a Perugiatoday.it. Buona lettura.

******

La ditta CO.GE.CAV. srl , che si occupava nello specifico del definitivo ritombamento del “CRATERE”   sito in località colle dei Mori “Pian delle Quaglie”,  ha depositato innanzi al Tribunale di Perugia un ricorso per ottenere il sequestro conservativo degli uffici e dei locali commerciali di proprietà Centro Il Granaio srl adiacenti al Supermercato COOP . 

"L’azione legale - scrive la ditta attraverso il proprio ufficio relazioni esterne - è finalizzata ad ottenere il giusto risarcimento per i danni conseguenti al conferimento presso la cava del materiale risultato inquinato e proveniente dal cantiere Centro il Granaio srl. Nonostante i test di cessione forniti al momento del conferimento a CO.GE.CAV srl sia dal GRANAIO sia da Sima Fossato srl, dai quali risultavano assenti sostanze inquinanti, il materiale è risultato di fatto inquinato. Non da meno sia dai carotaggi effettuati dal Comune di Gualdo Tadino che dai rapporti ARPA Umbria è emerso che i rifiuti contenevano quantità significative di piombo, arsenico e idrocarburi e che tali rifiuti provenivano dal Cantiere IL GRANAIO. Tutto questo trova ulteriore conferma nella sentenza del TAR Umbria dove si afferma che il materiale trasportato in cava dalla Sima Fossato srl  proveniente  dal cantiere IL GRANAIO risulta contaminato e quindi in evidente contrasto con le analisi presentate alla società CO.GE.CAV. srl". 

"Alla luce di quanto è emerso - conclude la note dell'azienda - oltre ad affermare con assoluta certezza che la società CO.GE.CAV. srl ha operato nel massimo del rispetto delle norme ambientali, che la stessa ha subito un danno per esclusiva responsabilità di Centro Il GRANAIO e di Sima Fossato srl. Tutto questo porta però a chiederci avendo capito il tipo di inquinamento, e visto che tutti sapevano che su quell’ex area dismessa insisteva negli anni un Consorzio Agrario prima e la Ceramica Monina dopo , come mai è stata rilasciata una concessione edilizie senza particolari prescrizioni ? Siamo del tutto sicuri che dall’ex area è stato rimosso tutto il materiale inquinato? E soprattutto come mai quando il materiale giaceva nel centro di Gualdo non si parlava di inquinamento invece non appena è stato conferito in cava è iniziata la caccia alle streghe?".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Aeroporto di Perugia, ma che succede? Spariti anche i voli per Cagliari, Trapani e Olbia

  • Attualità

    La sanità dell'Umbria brilla, è la migliore in Italia: "Siamo il punto di riferimento di tutto il Paese"

  • Attualità

    Monteluce, niente case per famiglie: allargato il servizio d'accoglienza, altri 40 immigrati in arrivo

  • Cronaca

    Urina in pieno giorno davanti a locale e negozi, rissa sfiorata in centro

I più letti della settimana

  • Saldi estivi 2018, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Saldi estivi 2018, le date regione per regione: le dieci regole per non farsi fregare

  • Dopo la registrazione, ecco la puntata di 4 Ristoranti: la sfida perugina tra Nadir, Osteria, Civico e Alchimista

  • Tragico scontro tra moto e furgone in provincia di Perugia: muore sul colpo il centauro

  • Cade da cavallo, non ce l'ha fatta la giovane avvocatessa: muore a 45 anni

  • XX Giugno, la lunga notte della Massoneria di Perugia: i tre impegni del Grande Oriente per la città

Torna su
PerugiaToday è in caricamento