Gesenu, scenari nebulosi dopo le dimissioni di Farabbi: "Cosa sta accaddendo? dove sono Regione e Comune?"

L’immobilità delle istituzioni è molto preoccupante”. Se lo chiede la Fiadel (Federazione italiana autonoma enti locali - Ambiente) Cisal Umbria, che interviene a seguito delle dimissioni dell’amministratore delegato di Gesenu

“Ma a Gesenu cosa sta accadendo? Il Comune di Perugia e la Regione Umbria dove sono? L’immobilità delle istituzioni è molto preoccupante”. Se lo chiede la Fiadel (Federazione italiana autonoma enti locali - Ambiente) Cisal Umbria, che interviene a seguito delle dimissioni dell’amministratore delegato di Gesenu spa, Stefano Farabbi, e a breve chiederà un incontro urgente con i soci privati e pubblico (Comune) e la Regione Umbria, per cercare di capire qual è la loro posizione e quali azioni intendono intraprendere per far fronte al nuovo delicato scenario.

“Le dichiarazioni fatte lunedì scorso (12 giugno) da Farabbi – fa sapere la Fiadel Cisal Umbria -, durante l’incontro che si è tenuto con le organizzazioni sindacali, hanno colto tutti di sorpresa. L’uomo che con le sue scelte avrebbe dovuto imprimere finalmente una determinante e vitale svolta industriale all’azienda e avviare di conseguenza la preziosa partecipata in una nuova fase di stabilità, ha, invece, ufficializzato le dimissioni, annunciando la volontà di non voler accettare di nuovo l’incarico di amministratore delegato, concludendo così il suo mandato con l’approvazione del bilancio”.

Nonostante il Comune di Perugia, socio pubblico, abbia affermato la propria volontà a rilanciare l’azienda, rinnovare gli impianti, far crescere la qualità dei servizi e mantenere i livelli occupazionali, la Fiadel Cisal Umbria si dichiara dubbiosa ed esprime la sua preoccupazione per l’ennesima situazione difficile creatasi: “che rischia di complicare ulteriormente il momento aziendale già delicato”.

“La prolungata assenza strategica di un preciso piano industriale credibile da un lato e l’inesistenza di un piano regionale sui rifiuti dall’altro – prosegue Vincenzo Filice, segretario regionale della Cisal Umbria -, impediscono di individuare le scelte aziendali più opportune da parte dell’organo amministrativo di Gesenu spa, che non riesce a dare seguito a quanto progettato ed individuato per attuare la necessaria ed auspicabile stabilizzazione aziendale.

E, oltre all’amministratore unico, a questo punto, ora dovrà a breve rinnovare anche le altre cariche: sia il presidente Luca Marconi, che Alessandra Fagotti ed Alessandro Formica rappresentanti di parte pubblica del consiglio di amministrazione, sono dimissionari”. “Quello che appare evidente, ed è sotto gli occhi di tutti – sottolinea la Fiadel Cisal Umbria -, è che il Comune, con la sua immobilità ed i suoi molteplici silenzi, sembra voler mettere in dubbio la propria partecipazione azionaria e non preoccuparsi di dettare determinate linee politiche di indirizzo, volte ad offrire servizi più efficienti ed a costi contenuti a tutti i cittadini”.

“La Fiadel si preoccupa che possano essere i lavoratori – conclude la nota -, già provati da una forte riorganizzazione avviata da tempo e non ancora compiuta, a pagare ulteriormente per le dirette conseguenze di questa situazione che potrebbe causare altri disservizi, arrivando a mettere a rischio il mantenimento degli attuali livelli occupazionali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Nuovo maxi concorso, l'Aci assume personale a tempo indeterminato: due bandi

  • Usl Umbria 1 in lutto, è morto il professor Fabrizio Ciappi

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento