L'INTERVENTO Spagnoli contro Nestlè: "Cosa volete farne della Perugina?"

Riceviamo e pubblichiamo un duro attacco di Carla Spagnoli - la cui famiglia ha contribuito alla nascita del marchio Perugina nel mondo - nei confronti dell'azienda, dei suoi manager "stranieri" che gestiscono lo stabilimento

Riceviamo e pubblichiamo un duro attacco di Carla Spagnoli - la cui famiglia ha contribuito alla nascita del marchio Perugina nel mondo - nei confronti dell'azienda, dei suoi manager "stranieri" che gestiscono lo stabilimento

********

di Carla Spagnoli* presidente onorario Movimento per Perugia

Cosa sta succedendo alla Perugina? Nonostante il silenzio generale di sindacati e politici, continuano a susseguirsi voci allarmanti circa il futuro dello stabilimento di San Sisto, che non promettono nulla di buono. Ormai è sotto gli occhi di tutti il disimpegno della Nestlè e la sua volontà di non puntare sulla Perugina: ricordiamo ancora la vergognosa vicenda dei Baci “Lanvin” venduti in Francia, dove ogni riferimento al marchio “Perugina” e allo stabilimento di San Sisto era stato eliminato, quasi fosse una vergogna e non un vanto da mostrare in tutto il mondo! In questi ultimi 4 anni i volumi produttivi dello stabilimento di San Sisto sono crollati verticalmente, tanto che nel 2014 l’azienda stessa ha comunicato 
la perdita di circa 1.000 tonnellate di produzione.

Questo crollo ha portato la Nestlè a fare continui ricorsi alla Cassa Integrazione e ora ai contratti di solidarietà per tutte le categorie di dipendenti. Ancora una volta il conto salato di questo smantellamento viene pagato dai lavoratori, padri e madri di famiglia! E che dire delle politiche fin qui (non) adottate dalla multinazionale svizzera per il rilancio del marchio “Perugina” anche all’estero?

Oltre al penoso “Bacio Lanvin” vogliamo parlare della vendita degli impianti di torrefazione del cacao alla Barry Callebaut? Vogliamo parlare dei prodotti che prima la “Perugina” produceva per altri marchi e che ora non produce più? Alcuni lavoratori non sono neanche sicuri se verranno prodotte le uova pasquali il prossimo anno! 

Alcune produzioni sono state spostate in altri stabilimenti della Nestlè, come se la “Perugina” fosse un’azienda controllata come le altre e non un pezzo di storia della città di Perugia e dell’intera nazione... Vergogna! Oggi l’azienda è in mano a manager cinici e senza passione, che non hanno alcuna voglia di risollevare lo stabilimento e che vedono la “Perugina” come  una semplice rampa di lancio per la loro carriera!

Dal giugno 2014, il nuovo direttore dello stabilimento è  un manager svizzero che non parla neanche italiano, a dimostrazione della voglia della Nestlè di dialogare con i lavoratori e di rilanciare il marchio “Perugina”! Per finire ci sono molti dubbi e ombre sulla recente  gestione poco trasparente dell’azienda: sono mesi, ormai, che le Forze dell’Ordine varcano i cancelli dello stabilimento per dei controlli. 

Da 20 anni, ogni ottobre, il centro di Perugia si riempie di gente con l’evento Eurochocolate e diventa per i turisti la “città del cioccolato” ma questo è stato possibile solo grazie alla storia del “Bacio Perugina”!
Ripetiamo la domanda: cosa sta succedendo alla “Perugina”? Perché i sindacati e i politici stanno zitti? Perché i cittadini non vengono informati? Cosa si sta facendo per salvare l’azienda e i suoi lavoratori, patrimonio di tutta Perugia?

Ancora aspettiamo qualcuno che chieda alla Nestlè quali sono le sue reali intenzioni per il 2015 e per il futuro. In questi giorni si sta parlando giustamente della vertenza AST di Terni e dello smantellamento delle acciaierie, vertenza sottaciuta per troppo tempo, ma se Terni piange Perugia, con la sua “Perugina”, di certo non ride eppure nessuno ne parla! La storia della “Perugina” è indissolubilmente legata a quella della mia bisnonna Luisa e per me e la mia famiglia la “Perugina” rappresenta molto di più di una semplice azienda o di un marchio. Per questo non posso restare in silenzio o occuparmi di altro mentre un pezzo importante di storia perugina sta lentamente morendo!

Potrebbe interessarti

  • Occhio ai falsi amici della dieta: i cibi insospettabili che non fanno dimagrire

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Grande Fratello 2019, la vincitrice Martina Nasoni: "Dovrò operarmi di nuovo al cuore"

I più letti della settimana

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Maltempo in provincia di Perugia, alberi in fiamme, tante cadute, incendi boschivi: i comuni più colpiti

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Tragico incidente a Castiglione del Lago, schianto tra una moto e un camion: Luca muore a 37 anni

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Terremoti, il sismologo Padre Martino in Cina: "Fratture di faglie conseguenti a trivellazioni e nucleare"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento