Turismo, Federalberghi: no alla tassa di soggiorno

Da Federalberghi arriva un netto no all'ipotesi di istituire nelle città dell'Umbria, a cominciare dal capoluogo Perugia, la tassa di soggiorno

Federalberghi Perugia dice no alla cosiddetta tassa di soggiorno ed esprime la propria volontà di essere coinvolti direttamente dagli interlocutori istituzionali nel momento in cui si dovesse trattare questo argomento.

Questo è quanto hanno deciso in modo unanime gli albergatori aderenti a Federalberghi della provincia di Perugia - Confcommercio, riuniti oggi in assemblea.

Secondo Federalberghi, la tassa renderebbe il territorio umbro meno competitivo sul mercato nazionale ed internazionale, creando il rischio, a livello regionale, di un effetto a macchia di leopardo: alcuni Comuni potrebbero introdurre la tassa di soggiorno ed altri no.

Sempre secondo l'assemblea degli albergatori perugini, è inaccettabile scaricare il peso della crisi economica e della mancanza di risorse dei Comuni sui turisti, sia italiani che stranieri, che scelgono di visitare l'Umbria e che contribuiscono al benessere del territorio.

Potrebbe interessarti

  • Occhio ai falsi amici della dieta: i cibi insospettabili che non fanno dimagrire

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Grande Fratello 2019, la vincitrice Martina Nasoni: "Dovrò operarmi di nuovo al cuore"

I più letti della settimana

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Maltempo in provincia di Perugia, alberi in fiamme, tante cadute, incendi boschivi: i comuni più colpiti

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Tragico incidente a Castiglione del Lago, schianto tra una moto e un camion: Luca muore a 37 anni

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Terremoti, il sismologo Padre Martino in Cina: "Fratture di faglie conseguenti a trivellazioni e nucleare"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento