Ex Merloni, in 700 si giocano (quasi) tutto il 31 agosto: ci sarà l'accordo? Il ruolo delle banche

E' fissato l'incontra tra banche, proprietà e governo al Ministero dello Sviluppo. Le richieste dei lavoratori tra speranze e infinite promesse non mantenute

Gli ex Merloni - un tempo una delle più grandi industrie del territorio della provincia di Perugia -, almeno quelli "salvati" con la riassunzione da parte di Jp Morgan, il 31 agosto potrebbero sapere se hanno un futuro con la nuova azienda oppure no. E' fissato l'incontra tra banche, proprietà e governo al Ministero dello Sviluppo. I lavoratori sperano che la produzione riprenda e che possano tornare a lavorare in maniera costante, ma in ballo c'è anche la cassa-integrazione che scadrà e del suo rinnovo non c'è nessuna traccia e copertura finanziaria. Molti gli scettici dato che il piano industriale non riesce a far breccia, soprattutto rispetto al credito bancario. 

"Dopo la cessazione dell’attività della Merloni nel 2008 - scrivono i sindacati - dopo la chiusura dei bandi inerenti all’acquisizione della stessa nel 2011, dopo la sentenza della Cassazione nel 2014, diciamo che il 31 agosto 2017 è un altro momento fondamentale per le sorti di quello che resta della Antonio Merloni. Confidiamo quindi nell’operato del Governo e in particolare del vice ministro Bellanova e ribadiamo quanto detto nell’incontro tenuto a Gualdo Tadino i primi di agosto: è necessario garantire l’accesso al credito ed al prestito bancario alla Jp Industries per consentire continuità occupazionale ai 700 dipendenti coinvolti".

"Ma vogliamo comunque crederci" hanno scritto i sindacati che rappresentano ben 700 lavoratori -  "Tanti sono i soldi spesi in questi anni per tenere accese le speranze di migliaia di lavoratori e di due comprensori come la fascia appenninica umbra e il Fabrianese. Per questo l’ostruzionismo di alcune banche (visto che altre hanno dato parere positivo rispetto al piano industriale) appare incomprensibile e ingiustificabile, tanto più a fronte della situazione lavoro nel paese. Senza dimenticare che le stesse banche, grazie al giro economico dato dagli ammortizzatori sociali della ex Antonio Merloni, hanno goduto anche esse di benefici in questi anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Travolto e ucciso da un'auto in superstrada: Fabrizio muore a 45 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento