Nocera Umbra, i lavoratori della Brunelli bloccano l'Appennino

Corteo in auto attraverso le vie di Nocera e poi sit-in sulla Flaminia. Il segretario Cgil Umbria Bravi: "Sette mesi senza stipendio è una condizione insostenibile"

Sono partiti dalla sede della loro azienda, la Brunelli Costruzioni, che per tutta la settima sarà ferma per sciopero, con un corteo di auto hanno raggiunto Nocera Umbra dove hanno sfilato, rallentando il traffico, con le bandiere fuori da finestrini. Poi, raggiunta la Flaminia, hanno dato vita ad un sit-in bloccando il flusso dei veicoli.

“Una protesta eclatante per una situazione insostenibile”, commenta Mario Bravi, segretario generale della Cgil dell'Umbria, che ha partecipato alla mobilitazione. “La condizione di questi lavoratori, da sette mesi senza stipendio – osserva Bravi – è di una gravità senza precedenti, ancora più pesante di quella che stanno vivendo, sempre in questo territorio, le centinaia di cassaintegrati della Merloni”.

La Cgil osserva infatti che la vertenza Brunelli è doppiamente emblematica. Da una parte rappresenta l'ulteriore appesantimento della crisi di un territorio, quello dell'Appennino umbro, già duramente colpito dalla vertenza Merloni e non solo. Ma, al tempo stesso, si tratta anche della crisi di una delle più importanti aziende del settore delle costruzioni in Umbria, con i suoi 80 addetti (numero già fortemente ridotto rispetto a qualche anno fa), che va ad aggravare anche qui una situazione pesantissima. “Negli ultimi cinque anni – spiega la Fillea Cgil, categoria che organizza i lavoratori del settore edile – in provincia di Perugia siamo passati da 19mila a 11mila addetti, con una perdita secca di 8mila posti di lavoro”.

A fronte di questa situazione di assoluta emergenza, la Cgil chiede alla proprietà della Brunelli e al mondo imprenditoriale locale di sbloccare questa situazione drammatica, in cui finora, osserva ancora Mario Bravi, “il ruolo di banche è stato svolto dai lavoratori, che si sono fatti carico di mantenere in vita l'azienda senza percepire per sette mesi le loro retribuzioni”. Dunque, prosegue Bravi, “è necessario che ognuno torni a svolgere fino in fondo il suo ruolo: la proprietà, facendo ripartire il piano industriale anche attraverso nuove partnership, gli imprenditori locali aiutando questa impresa a riprendersi e le banche erogando il credito. Di certo – conclude il segretario Cgil - non si possono far aspettare ulteriormente i lavoratori, che ormai sono davvero arrivati al limite”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento