Crisi economica, da Regione contributi per imprese che assumono precari

Dalla Regione Umbria, contributi fino a 9mila euro per le imprese che assumono i precari trasformando i loro accordi in contratti a tempo indeterminato

Regione Umbria

Dalla Regione Umbria incentivi per chi assume i precari, trasformando i contratti già attivati in contratti a tempo indeterminato. Si aprono mercoledì 28 dicembre, con la pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria, i termini per la presentazione da parte delle imprese delle domande per la concessione dei contributi stanziati dalla Regione a fronte della assunzione a tempo indeterminato di soggetti già titolari di rapporto di lavoro a tempo determinato o con contratti di collaborazione.

"Un provvedimento – sottolinea l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Riommi – che abbiamo assunto immediatamente dopo il varo del pacchetto anticrisi, lo scorso 16 dicembre, da parte della Giunta Regionale. Un bando cui attribuiamo particolare importanza e che abbiamo finanziato con quasi 4 milioni di euro, pronti ad incrementare lo stanziamento in presenza di una forte domanda da parte delle imprese.

Strumenti come questo – aggiunge - possono infatti supportare lavoratori ed imprese nel creare le condizioni per instaurare un clima di fiducia in una fase congiunturale molto delicata che richiede, anche da parte del pubblico, l’adozione di misure adeguate, incisive e in grado  di sostenere la qualificazione dell’occupazione regionale".

"I beneficiari del bando sono tutti i datori di lavoro privati – spiega l’assessore Riommi - che  possono avvalersi dei consistenti aiuti regionali, fino ad un massimo di 9mila euro per ciascun nuovo contratto di lavoro a tempo indeterminato che verrà attivato. Possono quindi presentare domanda imprese, consorzi, associazioni, professionisti singoli ed associati. In sostanza, ogni datore di lavoro fatta eccezione per gli enti pubblici”.

"A beneficio di imprese e lavoratori – conclude l’assessore - abbiamo  velocizzato l’iter, prevedendo una procedura a sportello grazie alla quale, con ‘step’ istruttori fissati mensilmente,  ammetteremo a contribuito le domande che siano pervenute nei trenta giorni  precedenti. Le tipologie dei rapporti di lavoro possono prevedere anche l’attivazione di contratti ‘part time’ purché l’orario minimo contrattualizzato non sia inferiore al 50 per cento di quanto previsto dallo specifico contratto di lavoro nazionale. Il contributo, in questo caso, sarà ridotto in proporzione”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Tragedia a Mantignana: muore pedone investito da un'auto, inutili i soccorsi

  • Scontro tra bus e auto, un ferito a Todi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento