Tredici aziende d’eccellenza danno vita a un progetto unico per Norcia: “Così rilanciamo i prodotti e la nostra terra"

Nasce in Umbria il primo Distretto Biologico. Tra le mission anche quella di incentivare il consumo dei prodotti nelle mense scolastiche o nei ristoranti associati per una sana alimentazione e il rilancio del territorio

Occasione di rilancio per l’economia di Norcia e per le eccellenze del territorio. Con queste premesse, tredici titolari di aziende locali , hanno deciso di intraprendere una avventura unica per l’Umbria: fondare il primo, a livello regionale, “Biodistretto”. Tra le mission, anche quella di promuovere una sana alimentazione e incentivare il consumo dei prodotti del distretto biologico all'interno della comunità come ad esempio nelle mense scolastiche, nei ristoranti associati e nella promozione di gruppi d’acquisto solidali.

Un distretto biologico che identifica al suo interno un'area geografica caratterizzata da una forte vocazione al biologico, sia nelle tecniche di produzione che in quelle di consumo. Il Comune di Norcia ha creduto sin da subito alla bontà del progetto appoggiandolo sin dal primo momento. “È un’occasione fondamentale per innalzare la qualità dei nostri prodotti e del nostro territorio – dichiara l’assessore allo sviluppo economico, Giuliano Boccanera – questa nuova iniziativa che parte dalla nostra città è il segno della vivacità dei nostri produttori e della fecondità della nostra terra che consente produzioni di eccellenza, riconosciute in tutto il mondo. Vogliamo continuare a scommettere su questo territorio – prosegue – e stiamo lavorando affinché Norcia possa rilanciarsi presto e bene sui mercati”.

Del ‘biodstretto’ fanno parte agricoltori, allevatori, l’Amministrazione comunale, l’amministrazione regionale, il parco nazionale dei Monti Sibillini, le strutture ricettive, e le associazioni di categoria, come Cia e Confagricoltura, presenti all’insediamento del primo consiglio, insieme al Presidente del distretto Biologico del Cilento, e al Presidente di In.N.Er: un network internazionale che mette in rete i distretti sorti nel territorio europeo. Attualmente sono 7 i distretti biologici in 13 regioni ed ulteriori 30 sono in costruzione.

Primo presidente del distretto biologico nursino l’imprenditore agricolo Massimo Severini Perla che si dice “emozionato per questa nomina, sono stato un pioniere del biologico qui a Norcia e vedere nascere oggi questa associazione è per me un sogno che diventa realtà”

I soci fondatori del distretto biologico di Norcia sono: Il Comune di Norcia, Marco Agabiti dell’azienda agricola “Il Massaro”, Alberto Allegrini della società “Fufu’ srl”, Lorenzo Battistini della società agricola “Etiche Terre”, Elisa Belmondo dell’agenzia “Exavel”, Vincenzo Bianconi della “Bianconi Ospitalità”, Roberto Canali della società “La Mulattiera”, Nunzio Dell’Orso dell’azienda agrituristica “Il Margine”, Andrea Di Felice di “Norcia Natura”, Francesco Filippi di “Norcia Gourmet”, Enrico Foglietti dell’azienda agricola “Sibilla”, Armando Pasqua dell’azienda agraria omonima, Massimo Severini Perla dell’azienda agricola “Casale Perla”, Arianna Verucci della “Cioccolateria Vetusta Nursia”.

Potrebbe interessarti

  • Occhio ai falsi amici della dieta: i cibi insospettabili che non fanno dimagrire

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Grande Fratello 2019, la vincitrice Martina Nasoni: "Dovrò operarmi di nuovo al cuore"

I più letti della settimana

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Maltempo in provincia di Perugia, alberi in fiamme, tante cadute, incendi boschivi: i comuni più colpiti

  • Terremoti, il sismologo Padre Martino in Cina: "Fratture di faglie conseguenti a trivellazioni e nucleare"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento