Provincia, formazione: Rossi incontra Confesercenti Spoleto-Valnerina

La formazione professionale come strumento per costruire un percorso che permetta alle eccellenze di Spoleto di emergere e contribuire allo sviluppo economico

Formazione e lavoro, Provincia di Perugia

La formazione professionale per costruire un percorso che, con la collaborazione delle Associazioni di categoria, permetta alle eccellenze di Spoleto di emergere e contribuire allo sviluppo economico del comprensorio.

Questo è quanto ha discusso il vice presidente della Provincia di Perugia, Aviano Rossi con i rappresentanti della Confesercenti Spoleto-Valnerina in occasione di un incontro svoltosi recentemente presso la sede locale dell’Associazione.

Alla riunione erano presenti il presidente regionale di Confesercenti Umbria, Sandro Gulino, il direttore CESCOT Umbria Giancarlo Baldoni, il presidente di Confesercenti Spoleto Enrico Morbidoni, il presidente di Confesercenti Valnerina Maria Cristina Lalli, il segretario territoriale di Spoleto e Valnerina Matteo Cardini ed alcuni rappresentanti della Giunta dell’Associazione territoriale.

Il vice presidente Rossi nello spiegare la nuova strategia della Provincia sul fronte delle politiche del lavoro e della formazione professionale, ha evidenziato che un sostegno alle attività produttive locali ed un conseguente rilancio dell’occupazione, pur se in un momento di crisi, potrebbe derivare “dalla costituzione di una sinergia, a più livelli, capace di rilevare ciò che il territorio è in grado di offrire in termini di eccellenza e attraverso la formazione di figure specializzate cercare di far arrivare i prodotti individuati anche al di fuori dei confini regionali e nazionali”.

Fondamentale sarà anche la promozione turistica legata alla specificità locale che farà da volano per lo sviluppo economico del comprensorio.

“Le azioni che l’Ente sta portando avanti si concentrano prevalentemente sull’artigianato, in particolare quello artistico, sul marketing e commercio con l’estero e sulla formazione di manodopera specializzata – ha continuato Rossi – purtroppo nella nostra realtà provinciale abbiamo un numero sempre maggiore di imprese che non riescono a trovare figure professionali specializzate ed altre attività lavorative e produttive trascurate o dismesse perché non sono nemmeno prese in considerazione dai giovani".

Il presidente regionale Gulino nel concordare sulla necessità di impegnarsi in un cammino condiviso con le istituzioni ai vari livelli, ha evidenziato l’importanza della formazione professionale per i giovani di fronte ad una situazione in cui, purtroppo, soprattutto nei centri storici, c’è un continuo turnover di attività commerciali. L’investimento, anche professionale, sulla specificità, come evidenziato invece dal presidente locale Morbidoni, potrebbe rappresentare una svolta per il futuro delle città, contando naturalmente sulla stretta collaborazione tra scuola, formazione e mondo del lavoro.
 

Potrebbe interessarti

  • Igiene del letto, quante volte cambiare le lenzuola?

  • Come richiedere gli assegni familiari nel 2019 e chi ne ha diritto

  • Cuocere i cibi in lavastoviglie: non solo moda, ma ecologia e convenienza

  • Invasione di formiche, come eliminarle con i rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Tragedia all'alba, donna di 46 anni muore sotto al treno: indagini in corso

  • Umbria, tragedia lungo la strada: l'auto si schianta contro un albero, muore a 36 anni

  • Luca sparisce nel nulla, poi il lieto fine: "E' stato ritrovato, grazie a tutti"

  • Tragico Erasmus, studente spagnolo si tuffa in piscina e muore sotto gli occhi degli amici

  • Castiglione del Lago, schianto all'alba: ferita una ragazza

  • Tragedia in Umbria: non rispondeva alla vicina, trovata morta in casa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento