Le farmacie comunali non sono un carrozzone: aumentano gli utili, assunzioni e sbarco nei centri commerciali

L'Afas, l'azienda delle farmacie comunali, è ufficialmente tornata. E guai a chiamarla carrozzone o ente mangia-soldi pubblici dato che, un dopo periodo difficile con tanto di ipotesi di svendita ai privati, ora è tornata a fare utili importanti che in parte rigiria al Comune per mandare avanti la città. Una società partecipata con cui ci si guadagna e non ci si rimettono denari... è una vera novità nel panorama politico italiano. La previsione del 2017 e quello pluriennale 2017/2019 sono al'insegna dell'ottimismo:  nel 2017 l'untile previsto  a 231.045,57 euro; nel 2018 a 245.206,59 euro; nel 2019 a 260.353,26 euro; dunque in costante crescita. 

“Stiamo chiudendo ora il 2016 – ha precisato il Presidente Puletti, che presenteremo tra qualche mese, ma già posso annunciare che i risultati sono confortanti, migliori rispetto al 2015". Ma al Comune sarà versato, secondo le previsioni, 753mila euro nel 2017, 757mila nel 2018. Altro fattore importante, sia dal punto di vista economico che gestionale, la politica del personale. Già a partire dal nel 2017, l’azienda ha previsto l’aumento di personale con l’assunzione di 5 unità e la trasformazione di contratti part time in full time o sempre part time ma a più ore, con un risparmio sulle voci di costo del personale rispetto al avoro straordinario. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per valutare l’andamento dell’azienda, comunque, va tenuto conto anche del fatto che Afas è riuscita ad avere risultati positivi mentre a livello nazionale il sistema farmaceutico è in calo. Le migliori farmacie per nu ri e incassi sono (Pallotta), 2 (San Sisto), 5 (Madonna Alta), 6 (Monteluce), 8 (Emisfero). Entro il mese di marzo è previsto lo spostamento della farmacia n. 9 (Villa Pitignano) in luogo logisticamente più adatto. Nel 2018 sono previsti interventi sulla farmacia n. 7 (Montegrillo) e 4 (San Marco). Per ciò che concerne il programma degli investimenti è prevista la possibilità di aprire la cosiddette “farmacie sovrannumerarie” all’interno dell’Aeroporto di Sant’Egidio e presso il centro commerciale di Collestrada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento