XX Giugno, furto nella notte: sparita dal monumento la corona di fiori dei massoni

Che sia stata sottratta per fare uno scherzo di cattivo gusto o per dimostrare avversione verso la libera muratoria, che proprio in queste ore, al Giò Jazz, celebra i 300 anni dalla sua fondazione?

Sparita, dal monumento al XX Giugno, la corona apposta, la notte scorsa, da parte dei massoni delle varie logge dell’Umbria. Una cerimonia tradizionale, consolidata da anni di pratica devota e di memoria riconoscente al nome dei patrioti perugini che persero la vita in quel fatidico 20 giugno 1859, bagnato dal sangue della strage. Tutto secondo consuetudine, come raccontato – anche per immagini – nell’edizione odierna di Perugia Today. Il nostro giornale è stato l’unico a documentare, con testo e racconto fotografico, quella mesta e orgogliosa cerimonia.

Era stata collocata la notte scorsa, poco prima dello scoccare della mezzanotte, inizio della giornata  del 20 giugno. Stamattina l’amara sorpresa, che ha il sapore della beffa. Quella corona era sparita, rubata, forse nascosta, volatilizzata. La notizia è circolata intorno alle 9 ed è arrivata alle nostre orecchie. Che sia stata sottratta per fare uno scherzo di cattivo gusto o per dimostrare avversione verso la libera muratoria, che proprio in queste ore, al Giò Jazz, celebra i 300 anni dalla sua fondazione?

Sgarbo, dispetto, cafonata: ciascuno la apostrofi come crede. A chi riferire l’azione? È un mistero, anche se non manca chi avanza ipotesi, tutte da verificare. Sta di fatto che, negli anni precedenti (come dimostrano le fotografie), la corona dei fratelli massoni e quella del Comune convivevano pacificamente: quella dei liberi muratori, attaccata ai piedi dei due patrioti (di solito, come ieri sera, legata col fil di ferro. Quella del Comune, appoggiata davanti alla siepe di bosso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spiace che in questo giorno di rievocazione e memoria condivisa, la città si mostri così irrispettosa delle opinioni e delle tradizioni. Tutto questo – nella città di Aldo Capitini, tollerante e nonviolenta – non era mai accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento