Violenza sessuale su tre ragazzine, foto hot in cambio di regali: giostraio resta in carcere

C’è anche il no dei giudici del Riesame, alla richiesta di scarcerazione o, in subordine, di una misura meno afflittiva che la difesa aveva avanzato nei confronti del giostraio dell’Altovere

C’è anche il no dei giudici del Riesame, alla richiesta di scarcerazione o, in subordine, di una misura meno afflittiva che la difesa aveva avanzato nei confronti del giostraio dell’Altovere, indagato per violenza sessuale su minori e raggiunto da una misura custodiale in carcere. I legali del 48enne – avvocati Francesco Falcinelli e Bernardo Paolieri – avevano presentato istanza di Riesame dopo che il gip aveva espresso parere contrario alla sua scarcerazione.

Il giostraio, residente nell’Altovere e arrestato l’8 giugno scorso dai carabinieri in esecuzione  di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip su richiesta del pm, deve rispondere di violenza sessuale nei confronti di tre ragazzine, tutte minorenni, che secondo le indagini avrebbe indotto a farsi mandare foto in atteggiamenti non certamente consoni per la loro età, in cambio di regalie o di giri in giostra gratis.  Una vicenda inquietante, emersa solo dopo il racconto di una delle giovanissime ai genitori che avevano deciso nell’aprile scorso di rivolgersi ai carabinieri. Tra le accuse, anche quella di aver palpeggiato le sue giovani vittime. Il 48enne, intanto, resta in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento