Violati i diritti di Amanda Knox, la Corte di Strasburgo conferma la condanna dell'Italia

Respinto il ricorso dello Stato italiano, resta il risarcimento di 10mila euro a favore della statunitense accusata e poi assolta di aver ucciso Meredith Kercher

Amanda Knox venne interrogata dagli organi giudiziari dello Stato italiano senza un avvocato né interprete. Una violazione che vale un indennizzo di 10 mila e 400 euro (la statunitense ne aveva chiesti 500mila).

La Corte di Strasburgo ha, così, rigettato la richiesta del governo italiano di rivedere la sentenza del 24 gennaio con la quale si riconosceva una violazione del diritto alla difesa di Amanda Knox.

La studentessa americana era stata accusata e processata di aver ucciso la coinquilina Meredith Kercher. Da quell’accusa è stata definitivamente assolta dalla Corte di Cassazione.

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento