Via Mario Angeloni, tentata truffa a negozio telefonia: denunciato

Il titolare di un negozio di telefonia di Via Mario Angeloni ha permesso alla polizia postale di denunciare un truffatore napoletano che ha provato a comprare un I Phone con documenti falsi

Martedì mattina gli Agenti della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Perugia sono intervenuti  presso un negozio di telefonia di via Mario Angeloni, dove hanno bloccato un pluripregiudicato che stava truffando l’esercizio in questione.

Il soggetto, difatti si era presentato al negoziante chiedendo l’acquisto di un I-phone con finanziamento, mostrando documenti di identità corredati da una busta paga emessa da una ditta di S. Maria degli Angeli ed  un numero di  codice fiscale.
 
Il titolare del negozio si insospettiva per la circostanza che l’acquirente corrispondeva all’effige di un “truffatore” che un negoziante di altre province aveva segnalato, con diverso nome, in una serie di e-mail. In effetti gli Agenti della Polizia Postale verificavano che l’individuo utilizzava documenti di identità contraffatti e documentazione non genuina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si accertava che lo stesso soggetto C. A. , del ’71, residente in provincia di Napoli, pluripregiudicato, aveva già perpetrato analoghe truffe ai danni di rivenditori nelle Marche, Abruzzo e Molise e probabilmente aveva come bersaglio numerosi altri negozi della zona, in quanto veniva trovato in possesso di una lista dei negozi di telefonìa della provincia di Perugia.

L’intervento della Polizia Postale, conclusosi con la denuncia alla A.G. per tentata truffa ed uso di atto falso, ha impedito così che il malvivente portasse ad ulteriori conseguenze le proprie azioni, consentendo la riconsegna del bene truffato al negoziante.
    
Gli agenti inoltre, per evitare che proseguisse il suo soggiorno a Perugia, lo hanno condotto in Questura dove gli è stata notificata la misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio per il Comune di residenza (Casoria) ed il divieto di ritorno a Perugia per tre anni.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 26 maggio: un nuovo positivo su 1097 tamponi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento