Addio o arrivederci? L'Orto del Frate ha spento i fornelli. Il ricordo: super Mario, le notti senza fine e il "sommergibile"

Quando andavi all'Orto.... eri uno dell'Orto e basta: niente paese d'origine, niente titoli professionali, ma solo birra, cibo, dolci e musica.

Addio o arriverderci? L'unica certezza è che l'insegna non c'è più, la sala fuori è vuota e all'interno regna il silenzio e non si muove foglia. Sembra impossibile ma dopo quasi trent'anni l'Orto del Frate, la casa del nostro Super Mario, non c'è più. Era uno dei pochi posti dove i perugini-perugini e gli studenti fuori-sede si incontravano, convivevano e nascevano grandi amicizie e storie d'amore. Era l'unico posto dove incontravi campioni del Volley, quelli del rugby e tante stelle del Perugia calcio. Insieme a te mangiavano, come te, semplice cliente, venivano trattati. I camerieri dell'Orto poi erano tutti un po' giullari, un po' folli ma sempre precisi e puntuali.

Dopo un po' che frequentavi il posto si ricordavano abitudini e gusti. Le cameriere, poi... belle e brave. Non c'era un vero e proprio orario di chiusura da Mario: se volevi restare, ti concedevano un tavolo e una sedia in veranda ti portavano altre due birre... e loro andavano a dormire, dopo tanto lavoro, e tu continuavi a bere, ridere e scherzare. Appena albeggiava... tutti a casa. Mario sponsorizzava tutto: dal tiro alla fune ai mitici Orto Boys di Basket Csi, fino ad arrivare ai tornei di calcetto amatoriale. "Sono i miei ragazzi... li devo aiutare": diceva questo mentre tirava fuori un centone per la sponsorizzazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma quando andavi all'Orto.... eri uno dell'Orto e basta: niente paese d'origine, niente titoli professionali, ma solo bira, cibo, dolci e musica. Ora tutti scrivono che i piatti forti erano il tiramisù e i tortellini alla cubana, io vi dico che invece il massimo era l'Orto piccante, una serie di antipasti al peperoncino che spaccavano. E l'altro grande piatto erano i bucatini al limone e gorgonzola. E non dimenticherò mai quando, ai tempi giovani cronisti de la Nazione e goliardi convinti, al sottoscritto e alla Callas - è il soprannome di Francesco - Mario ci insegnò la poesia del sommergibile: un bicchiere di wisky all'interno di un bel bicchierone di birra. Poesia alcolica. L'ultima recensione su Fb risale al 20 luglio: "Non solo ottima cucina in un ambiente familiare ma anche un intrattenimento caloroso verso tutti i commensali con particolare riguardo agli amici forestieri". Speriamo che sia solo un arrivederci magari in un altro luogo, ma con la stessa compagnia e spirito.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento