E' un mistero la morte della giovane Sara: è caccia a due stranieri in fuga

L'appartamento è sotto sequestro

Li stanno cercando anche in Umbria i due tunisini, con precedente per spaccio, che erano presenti nell'appartamento di Cesa, nell'aretino, dove è stata trovata morta la giovane modella Sara Smahi molto probabilmente a causa di un mix di droghe e anti-depressivi. La scoperta è stata fatta dalla proprietaria dell'appartamento sabato pomeriggio.

La vittima era ospite di una comunità di recupero di Città di Castello, il Cesi, ma da dieci giorni, pur senza il loro consenso, se ne era andata. Troppo forte il richiamo della droga. Le cause della morte della giovane saranno svelate dall'autopsia che sarebbe stata disposta per domani mattina, lo stesso vale per i segni trovati sul viso e sul collo della giovane forse tracce di uno estremo tentativo di rianimalra durante il malore. Sul corpo non ci sarebbe il segno del classico "buco". Della ventenne è sparito anche il cellulare portato via molto probabilmente dai due fuggiaschi. In casa sono state trovate invece tante bottiglie di birra vuote, cartine per fumare tabacco o marijuana e due siringhe ma che non sarebbero state utilizzate. Zero stupefacenti.

Resta dunque ancora un mistero la morte della giovane ed è per questo che c'è grande attesa per i risultati. Al momento l'accusa rivolta contro ignoti è quella di "omicidio preterintenzionale e spaccio di stupefacenti. Uno dei due stranieri ricercati era stato recentemente arrestato in una operazione anti-droga ad Arezzo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento