Ponte San Giovanni e Ponte Valleceppi, l'allerta dell'Usl Umbria 1: "Non consumate uova degli animali da cortile"

Uova prodotte da animali da cortile nell’area interessata all’incendio di Biondi Recuperi, il dipartimento di Prevenzione ne sconsiglia per precauzione il consumo in questi giorni

Nuova allerta per l'area di tre chilometri di raggio dal maxi incendio alla Biondi Recuperi di Ponte San Giovanni. Il Dipartimento di Prevenzione della Usl Umbria 1 rende noto, con una nota ufficiale, che "da accertamenti supplementari effettuati su un campione di uova di animali da cortile raccolte presso un privato cittadino di Ponte Valleceppi, è emersa la presenza di indicatori inquinanti derivanti verosimilmente da una pregressa contaminazione del terreno da composti organo clorati.  Tuttavia non si può ancora escludere un legame con i recenti eventi ambientali verificatisi nell’area di Ponte San Giovanni a seguito dell’incendio di Biondi Recuperi".

E ancora: "In attesa dei risultati dei nuovi accertamenti intrapresi per chiarire l’origine di detti inquinanti, a fini squisitamente cautelativi, la direzione del Dipartimento di Prevenzione della Usl Umbria 1 ritiene opportuno sconsigliare temporaneamente il consumo di uova prodotte da animali da cortile in tutta l’area già oggetto dell’ordinanza del sindaco di Perugia 253 del 13 marzo". L'ordinanza riguarda un'area di tre chilometri di raggio dalla Biondi Recuperi e comprende anche l'abitato di Ponte Valleceppi. 


Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando il bucato non profuma: lavare e igienizzare la lavatrice

  • Ospedale di Perugia in lutto, è morta Giampiera Bistarelli: "Ha dato a tutti noi una grande lezione di vita"

  • Le aziende che assumono. La perugina Barton cerca nuovi agenti: ecco come candidarsi

  • Aeroporto, volo Ryanair Perugia-Malta confermato per tutto l'inverno

  • Commercialista infedele, spariscono 500mila euro di tasse e i clienti finiscono nei guai con il Fisco

  • "Il lavoro è fatto male" e si scaglia contro il dipendente, titolare di un'azienda denunciato dalla polizia

Torna su
PerugiaToday è in caricamento