Un piano straordinario per la viabilità della Valnerina con percorsi alternativi anti-isolamento in caso di sisma

Il Consiglio comunale della città di Santa Rita approva all’unanimità un ordine del giorno di Gino Emili

Non basta più la messa in sicurezza della viabilità della Valnerina dopo gli eventi sismici, è indispensabile predisporre un piano straordinario che preveda, tra l’altro, percorsi alternativi definitivi onde evitare che in futuro la popolazione resti isolata. E’ in somma sintesi il contenuto dell’ordine del giorno presentato dal vicesindaco di Cascia Gino Emili, approvato all’unanimità dal Consiglio comunale della città di Santa Rita nel corso della seduta di ieri che chiama in causa Regione, Anas e Ministero delle Infrastrutture alla luce del ritorno di competenza all’Anas stessa di alcune strade di vitale importanza per il territorio.

“Una strada sterrata – chiarisce Emili nel documento – a cui anche durante l’ultimo terremoto siamo dovuti ricorrere provocando il completo dissesto del manto stradale, senza che nessuno si facesse carico di interventi di manutenzione straordinaria, nonostante le suppliche dell’amministrazione comunale di Cascia”. In particolare si fa riferimento alla strada 320 che negli anni Ottanta fu interessata da lavori di ammodernamento, già programmati prima del terremoto del ’79, da Triponzo a Serravalle, i fondi per la viabilità conseguenti a quell’evento sismico vennero poi impegnati dalle allora amministrazioni comunali della Valnerina per iniziare i lavori del traforo di Forca di Cerro anziché per il completamento dell’ammodernamento della strada fino a Cascia lasciando quindi l’opera incompiuta. Negli anni Novanta il Comune di Cascia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto fecero redigere un progetto preliminare per di ammodernamento del tratto Cascia- Serravalle, mentre l’Opera di Santa Rita di Roccaporena fece elaborare, grazie alla donazione di uno studio tecnico locale, un progetto preliminare sulla 320DIR fino all’ingresso a Roccaporena. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sostanza i progetti devono soltanto essere rifunzionalizzati anche in considerazione del fatto che sia la strada 320 che la 320DIR stanno tornando di competenza Anas e quindi si chiede
alla Regione dell’Umbria di adoperarsi affinché l’Anas, anche attraverso il Ministero delle Infrastrutture, riprenda in esame quei progetti preliminari e dia priorità al programma di
ammodernamento auspicato da tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento