Telefonate e mail trappola: attenzione, ecco la nuova truffa dei finti operatori Telecom

Nuovo allarme della polizia postale: i truffatori agiscono sia per via telematica sia al telefono. Ecco cosa fare

Attenzione alle mail che aprite. “C’è in circolazione, in questi giorni, una nuova truffa che si appropria del nome di Telecom per acquisire nuovi clienti in una compagnia telefonica di cui non si conosce la reale identità. Il problema è che, se quando si viene chiamati basta chiudere la telefonata, nel caso in cui si ricevessero altrettante promozioni, delle bollette da pagare o quant’altro per e-mail, in questo caso, basterebbe aprirla e visualizzare link o allegati per cadere nella truffa”. A lanciare l’allarme, ancora una volta, è la polizia postale. Spiegano gli agenti dal profilo Facebook “Una vita da social”: “Gli utenti online sono, quindi, un target molto più mirato e incline a cadere in simile truffe data la facilità con cui vengono diffuse”.

Ma non è solo una questione di mail e internet. C’è chi sfrutta anche il “vecchio” metodo: “Una compagnia telefonica si spaccia per Telecom chiamando a casa per richiedere un rinnovo o l’adesione a un contratto. È la nuova truffa che circola da qualche giorno nelle case degli italiani, i quali sono invitati a prestare attenzione se ricevono chiamate sospette, verificando le credenziali del mittente. In questo caso, chi riceve la chiamata viene avvertito che il suo contratto sta per scadere e che perderà tutte le agevolazioni e non potrà più effettuare chiamate a meno che non lo rinnovi al più presto. A segnalare la truffa è stata l’Associazione per i Diritti degli Utenti e dei Consumatori (ADUC), la quale raccomanda di interrompere subito la chiamata se si ricevono richieste simili da parte di un mittente che dichiara di essere Telecom. È sempre meglio fare delle verifiche prima di sottoscrivere dei contratti, soprattutto per telefono”.

E ancora: “Mentre certi problemi sono facilmente evitabili, quando si ricevono delle proposte o si viene contattati da enti importanti per e-mail è più facile diventarne bersagli compromettendo la propria sicurezza. La Polizia Postale avvisa che sono molto diffuse richieste per il pagamento di bollette o simili da parte di Enel, Telecom e dell’Agenzia delle entrate. Si tratta normalmente di fake che mirano al vostro username e password o all’installazione di malware sul dispositivo. Per evitarle basta verificare sempre il mittente in caso di e-mail sconosciute ed evitare di aprire link e allegati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento