Rave party nei boschi dell'Umbria, scatta la retata dei carabinieri: 41 denunciati

Denunciate 41 persone, di età compresa tra i 20 ed i 35 anni. Devono tutti rispondere di invasione di terreni, disturbo delle occupazioni delle persone, deturpamento di cose altrui, danneggiamento ed abbandono di rifiuti

Un gigantesco rave party a San Venanzo, nella notte tra il 15 e il 16 agosto. Ora i militari hanno chiuso il cerchio. Tanto che i carabinieri della compagnia di Orvieto hanno denunciato  41 persone, di età compresa tra i 20 ed i 35 anni. Devono tutti rispondere di invasione di terreni, disturbo delle occupazioni delle persone, deturpamento di cose altrui, danneggiamento ed abbandono di rifiuti. I denunciati provengono da Umbria, Lazio, Toscana e Marche, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. Oltre alla denuncia penale ai giovani è stata applicata la misura di prevenzione del divieto di ritorno del comune di San Venanzo, al fine di evitare che un analogo evento venga organizzato nuovamente in futuro.

Individuato il luogo e la serata giusta grazie ai social network, i militari erano intervenuti lo scorso Ferragosto con posti di blocco sulle arterie stradali di accesso alla zona. Molti giovani arrivati durante la notte, a seguito del controllo da parte dei militari, avevano desistito dal prendere parte all’evento, mentre altri, per evitare di essere controllati, avevano raggiunto il luogo indicato per il rave party percorrendo a piedi per vari chilometri delle zone boschive. Per tutti, adesso, è arrivata una bella denuncia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • LA VIGNETTA di Giuseppe Pellegrini. Il Frecciarossa parte seconda: l'orario infernale!

Torna su
PerugiaToday è in caricamento