Da un campo riemergono due ordigni bellici a rischio esplosione

Massa Martana. La segnalazione è arrivata ai Carabinieri da un agricoltore: "Sono in pessima conservazione"

Le tracce dei drammatici scontri bellici della Seconda Guerra Mondiale, avvenuti anche nei territori umbri, continuano a riemergere dalla terra, in particolare dai campi agricoli che una volta lavorati restituiscono un pezzo di quel passato che dista oltre 75 anni fa. L'ultimo caso risale a ieri pomeriggio - 23 dicembre - nel comune di Massa Martana, per la precisione nella frazione di Viepri, sono tornati in superficie degli ordigni bellici molto probabilmente proiettili di artiglieria, di cui uno privo di spoletta anteriore.

La segnalazione è stata fatta direttamente da un cittadino ai Carabinieri che, una volta giunti sul posto, hanno delemitato il terreno a rischio esplosione. La zona è comunque isolata: in un campo agricolo vicino ad un piccolo boschetto a circa 200 metri della strada regionale 316. Non ci sono abitazioni e quindi per far brillare gli ordigni non ci saranno problemi di ordine pubblico ed evacuazioni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento