Da un campo riemergono due ordigni bellici a rischio esplosione

Massa Martana. La segnalazione è arrivata ai Carabinieri da un agricoltore: "Sono in pessima conservazione"

Le tracce dei drammatici scontri bellici della Seconda Guerra Mondiale, avvenuti anche nei territori umbri, continuano a riemergere dalla terra, in particolare dai campi agricoli che una volta lavorati restituiscono un pezzo di quel passato che dista oltre 75 anni fa. L'ultimo caso risale a ieri pomeriggio - 23 dicembre - nel comune di Massa Martana, per la precisione nella frazione di Viepri, sono tornati in superficie degli ordigni bellici molto probabilmente proiettili di artiglieria, di cui uno privo di spoletta anteriore.

La segnalazione è stata fatta direttamente da un cittadino ai Carabinieri che, una volta giunti sul posto, hanno delemitato il terreno a rischio esplosione. La zona è comunque isolata: in un campo agricolo vicino ad un piccolo boschetto a circa 200 metri della strada regionale 316. Non ci sono abitazioni e quindi per far brillare gli ordigni non ci saranno problemi di ordine pubblico ed evacuazioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • L'azienda umbra che batte la crisi: Molini Popolari Riuniti, il fatturato tocca i 67,5 milioni di euro

Torna su
PerugiaToday è in caricamento