Ubriaco da record in sella ad una bici si schianta contro un'auto

Controlli con l'etilometro lungo le strade dell'Alto Tevere: ritirate sette patenti e tolti 139 punti

I Carabinieri operanti nell'Alto Tevere hanno effettuato dei servizi mirati al contrasto della guida pericolosa per individuare coloro i quali guidano sotto l’effetto di alcool o stupefacenti. 

Neopatentato alza troppo il "gomito", denunciato e patente ritirata

L’episodio più eclatante si è verificato a Città di Castello. I militari della Stazione Carabinieri di Trestina sono intervenuti in un sinistro stradale verificatosi tra un’autovettura e una bicicletta. La particolarità è stata che, questa volta, è stato l’uomo alla guida della bicicletta, un tifernate 56enne, che, oltre ad aver riportato lievi contusioni giudicate guaribili in pochi giorni, dall’ospedale di Città di Castello, aveva un tasso alcolemico nel sangue di quasi otto volte superiore al limite consentito. 

Abbatte due pali dell'illuminazione pubblica con il camion, era completamente ubriaco

È da evidenziare, infine, l’impegno dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Città di Castello nell’intensificazione dei controlli alla circolazione stradale dall’inizio del periodo estivo, che si è tradotto nella contestazione, da inizio giugno ad oggi, di oltre 50 violazioni al Codice della Strada per un importo complessivo di oltre 9.800 euro, decurtazione di 139 punti complessivi alle varie patenti di guida e 7 patenti di guida ritirate per tutte le violazioni accertate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento